Mondiali biathlon, Lisa Vittozzi splendido argento con la staffetta mista azzurra

Subito una grande notizia per l’Italia nella staffetta mista che ha aperto i Mondiali di biathlon di Anterselva: una grande Lisa Vittozzi conquista la medaglia d’argento assieme ai compagni di squadra Dorothea Wierer, Lukas Hofer e Dominik Windisch.

Lisa Vittozzi come da tradizione è stata schierata al lancio e si è presentata in testa al primo poligono, ha dovuto effettuare due ricariche ma è comunque uscita al settimo posto a soli 6″ dalla leader Austria.
Nella serie in piedi Lisa è stata veloce e perfetta, lasciando il poligono in testa, con Ucraina e Norvegia in scia.

Il cambio Vittozzi-Wierer

La norvegese Roeiseland, una delle big del circuito, riprende la Vittozzi e le due arrivano assieme al cambio, lasciando spazio a Tiril Eckhoff e Dorothea Wierer, con la Svizzera terza a 12″. Una prova assolutamente positiva per la 25enne sappadina.

Doro Wierer chiude i suoi 6 km al terzo posto, assieme alla ceca Davidova, a 12″ dalla Eckhoff, cedendo il testimone a Lukas Hofer.

Fantastica la prova dell’azzurro, perfetto al poligono e veloce sugli sci: offre così il cambio a Dominik Windisch in testa assieme alla Norvegia, con 5″ sulla Repubblica Ceca e 32″ sulla Svizzera.

Festa per i tifosi di Lisa

Windisch è preciso e veloce nel primo poligono e arriva all’ultima serie assieme al fenomeno norvegese Johannes Boe. Entrambi devono effettuare due ricariche, con Boe che esce con 9″ di margine sull’azzurro.

Al traguardo la Norvegia taglia per primo il traguardo con 15″ sull’Italia, che migliora così il terzo posto dei Mondiali 2019. Bronzo alla Repubblica Ceca. I Mondiali di casa non potevano aprirsi meglio.

“Siamo stati veramente forti, non abbiamo sbagliato quasi nulla – dice Lisa -. Per raggiungere un risultato così prestigioso serviva una gara perfetta contro nazioni tutte di altissimo livello. Sono orgogliosa di far parte di questa squadra”.

Venerdì alle 14.45 si disputerà la 7.5 km sprint femminile.

 

LE PAROLE DEL PRESIDENTE DELLA FISI RODA

LE PAROLE DEL PRESIDENTE DEL CONI MALAGÒ

 

 

 

Commenta con Facebook