Massimiliano Larocca sul palco di “Leggermente” a San Daniele

Fuori dagli schemi, outsider per scelta e per vocazione. Massimiliano Larocca è il prossimo ospite di Leggermente (venerdi 17 marzo alle ore 20.45), che in ogni sua stagione affianca a nomi noti e conosciuti anche quelli di ospiti ancora poco celebrati eppure ricchi di talento e soprattutto di una disponibilità umana insolita, contagiosa e per questo libera e autonoma.
Fuori dal mainstream e lontano dai talent, Max Larocca infatti è uno splendido musicista e un altrettanto potente poeta. Radici rock, con svisate folk, amante di Dylan e Springsteen, ma anche della musica d’autore italiana, Larocca sarà una vera sorpresa tutta da scoprire. E come sempre accade non si tratterà di un ospite casuale, in virtù del suo progetto “The Dreamers” che, come lui stesso racconta, “è il progetto che ho creato con i laboratori musicali di scrittura e performance per ragazzi diversamente abili. L’anno scorso c’erano con me anche Nada e Riccardo Tesi ed è stata un’esperienza devastante, nel senso più positivo del termine”.
E infatti Larocca, prima di salire sul palco sandanielese dell’auditorium delle scuole medie, si recherà presso il locale Centro di Salute Mentale per incontrare gli ospiti del CSM, a cui settimanalmente fanno visita i collaboratori e gli amici di Leggermente. Poi la serata, in cui come al solito si parlerà anche di letteratura: “Senza dubbio” di Jack Kerouac, e di un suo romanzo breve intitolato “Tristessa”, ambientato in un Messico iconico, povero e bellissimo. Ma ci sarà anche spazio per Rimbaud e Pasolini, “due figure sacrificali della letteratura moderna, che trascendono la propria opera e diventano corpo, distrutto e divorato dalla società, dalla morale, dal potere”, come lo stesso Larocca afferma.
Fresco vincitore del Premio Lunezia con uno straordinario CD (Un mistero di sogni avverati) grazie all’intensità con cui ha musicato le poesie di Dino Campana, Larocca avrà al suo fianco un artista di eccezionale prestigio, ovvero Riccardo Tesi, musicista da sempre legato a De André. Gaber, Ivano Fossati, che salirà sul palco con il suo ormai mitico organetto diatonico. Ecco allora svelata un’altra delle unicità di questo appuntamento di marzo: accanto ai libri anche tanta musica, quella di un musicista che canta poesie, suona emozioni, racconta con dolcezza storie di chi vive al limite.
Chi vorrà esserci è invitato a prenotarsi alla mail info@leggermente.it o tramite SMS al 339 3697658.

Commenta con Facebook