Marsilio (Pd): “E’ necessario valorizzare la produzione locale”

“Sempre più spesso discutiamo di massimi sistemi per la valorizzazione dei prodotti locali, dimenticandoci di considerare una serie di piccole azioni che potrebbero nel concreto e nell’immediato risultare immediatamente utili allo scopo. Il pensiero va all’agroalimentare ma, per quanto riguarda la montagna, è opportuno comprendere anche altre risorse peculiari, quali il legno, la pietra e il marmo”.

Lo afferma il consigliere regionale del PD Enzo Marsilio, che prosegue così il suo ragionamento: “Senza nulla togliere all’efficacia di una strategia dettata da un progetto organico specifico, sarebbe sicuramente utile alla promozione dei prodotti locali e quindi allo sviluppo dell’economia del posto se solo le singole amministrazioni incentivassero il loro utilizzo con l’introduzione in sede di appalto di punteggi premianti, e/o di prescrizioni,  per chi utilizza dei prodotti  provenienti dal territorio locale e per chi provvede in loco alla loro lavorazione”.

“In questi giorni – prosegue l’ex assessore regionale – in molti hanno potuto notare come il materiale utilizzato per la realizzazione di un argine sul torrente But nella zona nord di Tolmezzo provenga dal Pordenonese o, peggio ancora dall’estero.  Come mai non sono stati utilizzati gli scarti delle nostre cave di marmo? Non andava bene il rosso di Verzegnis, il fior di pesco di Forni Avoltri o il grigio carnico di Paluzza?”

“Nel caso specifico – conclude Marsilio – per evitare la messa in opera di materiale proveniente da chissà dove e favorire la filiera locale, sarebbe bastata una semplice prescrizione in sede di autorizzazione paesaggistica che avrebbe, inoltre, con ciò evitato sprechi energetici e ridotto le problematiche di inquinamento”.

Un pensiero su “Marsilio (Pd): “E’ necessario valorizzare la produzione locale”

  • 28 Luglio 2017 in 10:50
    Permalink

    Marsilio ti do pienamente ragione perché all’economia della montagna servono anche queste piccole cose. Dovrebbero incominciare le amministrazioni pubbliche a chiedere i prezzi a delle ditte locali e non fornirsi a occhi chiusi e con tanta semplicità alla CONSIP che il materiale lo fa arrivare da tutta Italia e non dalla nostra zona. Basterebbe chiedere tre preventivi e si avrebbe la merce a più buon prezzo della CONSIP e proveniente dai nostri commercianti. Tanto per dare un piccolo aiuto.

I commenti sono chiusi.