Marsilio (Pd): «La Lega abbandona i giovani imprenditori montani»

«La Lega è senza vergogna e continua a prendersi gioco della montagna e della sua gente, in particolare di giovani ai quali promette sostegno, salvo poi, nei fatti, lasciarli nel limbo in attesa di aiuti promessi e che nonostante risorse mai viste, continuano a non arrivare». Lo afferma il consigliere regionale Enzo Marsilio (Pd) intervenendo nel dibattito sul disegno di legge 171 di assestamento per gli anni 2022-2024.

«A fronte di un assestamento che sfiora un miliardo di euro, il centrodestra e in particolare il consigliere leghista Mazzolini ha la faccia tosta di vantarsi sui social su quanto sia attento al territorio montano e ai giovani che intraprendono attività agricole, salvo poi lasciare ferme ben 95 domande di altrettanti giovani che aspettano gli aiuti promessi per le loro attività». Attraverso un emendamento, spiega Marsilio, «abbiamo proposto di stanziare i 10 milioni per dare risposta alle domande avanzate da giovani imprenditori, nell’ambito dei fondi di rotazione per l’agricoltura in montagna. Se da un lato registriamo che le parole sono lontane dalle azioni, dall’altro è davvero disarmante vedere come la Giunta Fedriga e il centrodestra non si sono minimamente preoccupati di questi giovani, lasciando tutto fermo da tempo e ignorando una richiesta di assoluta ragionevolezza che avrebbe aiutato da una parte dei giovani nelle loro attività e dall’altra avrebbe favorito lo sviluppo del territorio montano».