Maltempo, il punto della situazione dalla Protezione Civile FVG

Proponiamo la nota emessa alle 22 dalla Protezione Civile Regionale.

SITUAZIONE Il fronte che sta interessando la regione ha portato forti piogge sulla fascia Prealpina con punte massime, in 24 ore, di oltre 160 mm sulle Prealpi Giulie (171 a Musi, 161 mm a Resiutta), in Carnia 140 mm a Tolmezzo e sulle Prealpi carniche 128 mm a Sella Chianzutan. Il fronte è stato accompagnato da forti raffiche di vento da sud-est sulla costa (20.4 m/s a Lignano), da sud in quota (34.3 m/s cima Rest, 32.5 Matajur, 28.0 sul m. S. Simeone). 

EVOLUZIONE Il vento al suolo sta rapidamente girando da Libeccio diminuendo di intensità e nelle prossime due – tre ore il fronte principale interesserà la fascia orientale e lascerà la regione prima di mezzanotte. Il fronte è seguito tuttavia da correnti ancora umide da sudovest e da aria fredda in quota. Fino a domattina possiamo aspettarci ancora dei rovesci sparsi, anche temporaleschi, con apporto massimo di poche decine di millimetri sulle zone orientali. Nella giornata di lunedì miglioramento con schiarite ampie. Sarà possibile solo qualche breve pioggia sparsa. Dalla serata di lunedì e poi nel pomeriggio di martedì il passaggio di due veloci fronti provocherà altre piogge, anche temporalesche, in genere moderate ad ovest, da abbondanti ad intense ad est, accompagnate da vento da sud-ovest moderato sulla costa ed in quota. 

EFFETTI AL SUOLO Dopo le piogge delle prime ore della mattinata che hanno interessato la zona orientale della regione, nel primo pomeriggio si sono registrati i primi disagi con segnalazioni di alberi caduti nei comuni e blackout. Le squadre comunali sono intervenute per alberi caduti a Taipana (sulla ex viabilità provinciale), Frisanco, Forgaria Sutrio e Sequals. I blackout hanno interessato numerose località quali Bicinicco, Ontagnano, Sclaunicco, Martignacco, Maniago, Vito d’Asio, Colloredo e Codroipo. E’ stato attivato il servizio di piena del fiume Tagliamento, i restanti corsi d’acqua principali (Isonzo, Livenza) sono sotto il livello di guardia; il fiume Isonzo scarica oltre i 300 mc/s in aumento, risultano chiusi i guadi di Rauscedo e Murlis sul torrente Meduna. La Diga del Tul è in sfioro e sul torrente Cosa sono riversati oltre 40 mc/s. Allagamento di un sottopasso è stato segnalato a Venzone e una caduta massi in comune di Nimis mentre un cedimento localizzato della sede stradale si è verificato in comune di Fiume Veneto. 

NUE 112 Le chiamate legate al maltempo registrate dal servizio del NUE112 sono un centinaio. 

VOLONTARIATO Da inizio evento stanno operando complessivamente oltre 130 volontari di 50 comuni. 

Commenta con Facebook