L’iniziativa solidale “Percorri la Pace” fa tappa a Tolmezzo

I partecipanti alla nona edizione di “Percorri la Pace” sono stati ricevuti ieri sera nella sala consiliare del Municipio a Tolmezzo.
Ad accoglierli l’assessore allo sport Francesco Martini, che ha rivolto loro il benvenuto di tutta la città.

La manifestazione, organizzata dalle Acli di Brescia, si svolge in un percorso che porta dalla città lombarda a Vienna (in bici) e ritorno (a piedi), dove i partecipanti alternano la corsa podistica con il ciclismo. Ieri, appunto, l’approdo in Carnia da Hartberg, mentre oggi il gruppo si sposterà a Feltre.

A Tolmezzo il supporto logistico è stato garantito dalla locale Polisportiva Libertas, con il coordinamento di Angela Longo.

L’INIZIATIVA

La gara per ciclisti e runner “Percorri la pace 2019” è un’iniziativa sportiva organizzata dalle ACLI di Brescia, che da otto anni promuove percorsi della solidarietà e della pace, in Italia e in Europa.

“Percorri la Pace” a Vienna

Il primo evento è stato nel 2011, con la gara Brescia-Assisi, per poi continuare con Ginevra, Sarajevo, Monaco, Roma, e molte altre destinazioni.
Quest’anno la meta è stata Vienna, per la visita alle sedi dell’Agenzia internazionale per l’energia atomica e all’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine, ospitate nel Vienna International Centre, di cui si celebra quest’anno il 40° anniversario.
Diverse le tappe del percorso dall’Italia all’Austria: l’avvio ufficiale dell’itinerario in bicicletta si è avuto a Longarone, con la visita al cimitero e l’incontro con alcuni rappresentanti della comunità per ricordare le vittime del Vajont e i disastri ambientali causati dalla tempesta Vaia dello scorso ottobre.
Una tappa significativa, il cui obiettivo è stato ribadire l’impegno delle ACLI “per la salvaguardia del creato e per la promozione di stili di vita equi e solidali”.
Dopo l’impegnativa scalata del Groβglockner, è seguito un altro momento di riflessione e approfondimento: i partecipanti hanno visitato infatti il lager di Mauthausen, l’ultimo dei principali campi di concentramento nazisti ad essere liberato, il 5 maggio del 1945.
A differenza delle scorse edizioni, il percorso da Brescia a Vienna viene percorso sia all’andata che al ritorno: il gruppo dei podisti, infatti, ha raccolto nella capitale austriaca il testimone e sta percorrendo il viaggio di ritorno per portare ufficialmente alla municipalità di Brescia la testimonianza delle riflessioni e dei temi affrontati lungo il percorso.
“Percorri la pace 2019” è anche un evento di solidarietà grazie al sostegno ai progetti di contrasto alla criminalità organizzata promossi dalla Diocesi di Palermo.