Il legno Pefc della Carnia nella nuova Mensa scolastica realizzata ad Amatrice

È costruita interamente con il legno proveniente dalle foreste del Friuli Venezia Giulia la mensa scolastica inaugurata il 23 dicembre scorso ad Amatrice, funestata dal terremoto che ha colpito il Centro Italia nella notte del 24 agosto. L’inaugurazione segna il primo passo verso la costruzione del Villaggio Food, un’area di quasi 9.000 metri quadri dove sorgeranno, oltre alla mensa, ben otto ristoranti.

L’opera è stata progettata grazie alla raccolta fondi “Un aiuto subito”, promossa dal Corriere della Sera e dal Tg La7 con il supporto di Tim. “La decisione del Comitato che ha raccolto i fondi è stata quella di partire da scuola e lavoro, dando prospettiva al settore turistico e della ristorazione. Una scelta lungimirante, analoga a quella compiuta in Friuli dopo il terremoto del 1976, quando si decise di dare priorità alle fabbriche, convinti che il lavoro fosse fondamentale per il mantenimento delle comunità, dell’identità e anche della speranza nel futuro”, ha fatto presente l’assessore alle Risorse agricole e forestali del Friuli Venezia Giulia Cristiano Shaurli intervenuto alla cerimonia per testimoniare il contributo delle aziende della Filiera Legno FVG (Legnolandia di Forni di Sopra, Domus Gaia di Udine e Segheria De Infanti di Ravascletto).

Grazie all’apporto delle imprese friulane e al supporto di Innova FVG e con il progetto dell’architetto Boeri infatti, è stato ultimato – in meno di un mese – l’involucro esterno della mensa, interamente in legno FVG e certificato PEFC a testimonianza di una gestione forestale trasparente e sostenibile ambientalmente.




__

“Il Friuli Venezia Giulia – ha aggiunto Shaurli – ha dato una nuova dimostrazione del proprio impegno a favore delle popolazioni colpite dal sisma. Ricordo, con orgoglio, che la Protezione civile della nostra Regione è stata tra le prime ad attivarsi negli interventi di soccorso. A questa pronta e immediata azione si è aggiunto il guado sul rio Castellano e insieme alla Coldiretti e a Danieli la posa di oltre 70 moduli abitativi provvisori per consentire agli agricoltori, ove necessario, di rimanere accanto ai propri animali. Atti concreti che testimoniano la nostra vicinanza alle gente del Centro Italia e che d

imostrano come le nostre aziende, rappresentanze e Istituzioni sappiano unirsi per la solidarietà anche nel ricordo di ciò che accadde 40 anni fa in Friuli”.

Ad Amatrice erano presenti anche i rappresentanti di Innova FVG e delle imprese coinvolte “una testimonianza importante – continua l’assessore Shaurli – in primis per la solidarietà e professionalità dimostrata ma anche per ciò che rappresentano; una realtà, quella della Filiera Legno FVG, capace di unire diverse aziende e le diverse fasi della catena di lavorazione del legno e di puntare sul valore aggiunto della trasformazione e su una silvicoltura naturalistica a tutela di ambiente e biodiversità”.

Alla cerimonia hanno partecipato il direttore del Corriere della Sera, Luciano Fontana, il direttore del Tg di La7, Enrico Mentana, il commissario alla ricostruzione Vasco Errani, il Capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, l’architetto Stefano Boeri, che ha progettato l’area. Per la regione Friuli Venezia Giulia oltre a Shaurli, sono intervenuti anche Marino De Santa (Presidente di Legnolandia) e Matteo Marsilio (Presidente di DomusGaia).
“Grazie a un grande architetto, Stefano Boeri, e a un gruppo di straordinari realizzatori ce l’abbiamo fatta – scrive Enrico Mentana sulla sua pagina Facebook – oggi l’opera viene consegnata alla cittadinanza, a nome di tutti coloro che con i loro versamenti l’hanno resa possibile, 70 giorni dopo la decisione di realizzarla, 4 mesi dopo il Terremoto. Missione compiuta. Grazie a tutti“.