L’ad di Eurotech Siagri sulle elezioni Usa: «Biden darà maggiori certezze al Paese»

Roberto Siagri, amministratore delegato di Eurotech, interviene su quanto è avvenuto in questi giorni a Washington DC. La multinazionale con sede ad Amaro ha infatti una sua filiale non lontana dalla capitale degli Stati Uniti d’America, ovvero a Columbia, nel Maryland. Eurotech ha registrato, nel 2019, un giro di affari di 53 milioni di dollari solo negli Stati Uniti.

“Chi detiene grandi responsabilità, come un presidente degli Stati Uniti, non può permettersi certi atteggiamenti, tenuto conto che è proprio lui il responsabile anche della macchina elettorale – dice Siagri -. E noi tutti abbiamo compreso, forse più di prima che, per preservare la democrazia serve impegno. Non dobbiamo darla per scontata. Mai. Nemmeno in un Paese, come l’America, che ha fatto di libertà e democrazia, i suoi baluardi. La democrazia ha le sue regole che, in questo caso specifico, non sono state rispettate. Ritengo anche che, la reazione pacata di Joe Biden abbia dato ancora più valore alla sua vittoria, ed ancora maggiore popolarità ad un presidente che stava per entrare in carica, giudicato per il suo fare apparentemente ‘debole’. In Italia ritengo poco probabili possibili fatti del genere: le rivoluzioni, lo ricordiamo dalla storia, sono avvenute  in America, in Francia. In Francia si è visto anche durante questa pandemia come la popolazione abbia reagito in maniera molto decisa, cosa che qui non è successa. In Italia, nello specifico, non vedo questa spinta rivoluzionaria e non penso si possa arrivare a scatenare, pur sobillando la pancia del popolo, reazioni simili, siamo una comunità fondamentalmente pacifica”.

“Non penso che il sogno americano sia defunto – continua Siagri –. La storia conferma ancora una volta che la democrazia va difesa, perchè non è per sempre e che pur con tutti i suoi limiti, è essenziale per il progresso economico. Specialmente in un momento storico in cui gli Stati Uniti devono fare fronte, come tutti, alle conseguenze della pandemia, ed alla forza economica della Cina che si sta apprestando a superare l’America; a parità di potere di acquisto è già davanti”. 

Eurotech è presente negli Stati Uniti dal 2004, quando ha acquisito la  Parvus inc,  con sede a Salt Lake City, poi ceduta con una grande plusvalenza nel 2011. Attualmente, la multinazionale tecnologica ha la sede principale a Columbia e un centro di ricerca e sviluppo a Huntsville, in Alabama, oltre ad altri uffici periferici a Salt Lake City e Portland.

Commenta con Facebook