La minoranza di Arta Terme: «Ecco perché non siamo presenti alle elezioni»

Riceviamo dalla minoranza consiliare di Arta Terme e pubblichiamo.

Come sapete, come gruppo di minoranza “IL TROI – IL SENTIERO”, abbiamo deciso di non presentarci alla presente tornata elettorale. 

Una scelta la nostra sì ponderata, ma anche purtoppo dettata dalla disaffezione alla politica, alla partercipazione attiva e alla “cosa pubblica”. 

Una scelta difficile e in parte dolorosa, ma con l’intento e la voglia di dare una scossa, di spronare e risvegliare le menti e i cuori delle persone che per vari motivi si sono allontanate “dall’essere di paese”. Scegliere quindi di non scendere in campo, non è stato facile. 

Avevamo ben più dei dodici candidati necessari per partecipare, non solo tra le persone che si sono presentate nelle liste negli ultimi quindici anni, ma anche con quelle che più semplicemente ci hanno dato una mano e ci hanno sostenuto nel nostro percorso, allargando la platea anche ai cittadini che  hanno sostenuto liste del centro-destra alle scorse elezioni, ma che come noi condividono l’idea che nell’attuale momento di difficoltà l’unione fa la forza. 

Usciamo da una minoranza in cui ci siamo impegnati ad essere costruttivi e partecipi, mantenendo toni  e modi pacati ed educati (a volte forse anche troppo) ben distanti dai toni e dai modi (spesso agressivi e maleducati) con cui siamo stati abituati a convivere in precedenza. 

E’ stato scritto che “si fanno le liste non per esserci o contro qualcuno”, dimenticando che la situazione  attuale è nata proprio per essere contro quel qualcuno. 

E’ stato anche insinuato che l’attuale amministrazione comunale cinque anni fa avrebbe iniziato il proprio percorso in una “non certo lusinghiera situazione del nostro territorio”, dimenticandosi forse della fortuna di ritrovarsi con mutui estinti e sopratutto sgravati da una situazione gestionale dello stabilimento termale che per anni ha creato non pochi problemi al nostro comune. Nel frattempo la “non certa lusinghiera situazione del nostro territorio”, si può “confortare” con la  chiusura PRE-Covid (non diamo sempre la colpa al virus) di numerose attività sul territorio: bar, alberghi, negozi; per non parlare del decoro urbano che tutto ha a che fare tranne che con un comune a dedizione turistica. 

Ora il Paese ha bisogno di novità, di alternative, di idee e di un buon lavoro di valorizzazione. Noi è vero che non saremo presenti con la nostra lista, ma abbiamo già iniziato il nostro nuovo percorso, il nostro lavoro. Anche dall’esterno saremo attivi e pronti come sempre, per dare il massimo alla nostra comunità, al nostro paese, per dare una vera Alternativa al nostro comune.

Gruppo di minoranza “IL TROI – IL SENTIERO”