La latteria di Cercivento protagonista del Lunari da Dalbide 2023

di CELESTINO VEZZI

Un salto a ritroso nel tempo per ripescare dalla memoria un mondo, quello della latteria di paese, che dai primi anni del 1970 si è perso, inghiottito dai caseifici di vallata.
Il canto del latte che dal vagan finisce nel colino e quindi nella caldaia, la voce del fedâr che dichiara il peso, il brusio del fuoco sotto la grande caldaia, la cjace forade che batte sui bordi della mastella di rame con la brume, il correre incessante della zangola per fare il burro, la glove che annega nel latte, la chitarra che con sacralità e rispetto taglia la cagliata, il formaggio che stretto nella tela si libera del siero prime di finire nel talç…
Un mondo di suoni e di nomi che oggi vive ormai solo in qualche casera di montagna.
La Dalbide ha voluto raccogliere la storia di questa realtà nata a Cercivento il 12 di novembre del 1899, una latteria che fungeva anche da ‘Cooperativa di smercio, di Consumo e di Lavoro e Cassa Rurale di Prestiti’.
Sfogliando le pagine del Lunari si scopre che nel 1903 la divisione tra Disorans e Disotans ha dato vita a due latterie diverse: è come rivivere un tratto di storia, assieme ai casari che si sono succeduti, fra documenti, carte, attrezzi e rumori ed il buon odore del formaggio che si espande dal desc.
Tutto questo incorniciato nella bella grafica curata dalla Tip. Cortolezzis di Paluzza, con foto di Annarita De Conti, Alessandra Silverio e dall’Archivio del Circolo Culturale ed il patrocinio del Comune.

IN MARILENGHE

Un salt indaûr tal timp par ricjapâ da memorie un mont, chel da fedarìe di paîs, che dai prin agns dal 1970 al è lât sfantansi glotût das latarias di val.
Il cjant dal lat che dal vagan al finìs tal colìn e pò ta cjalderie, la vous dal fedâr ch’al pant il peis, il fûc che al busìne sot da grande cjalderie, la cjace forade che a sbat ta mastele cjapant su la brume, il cori cence poste da pigne par fâ la spongje, la glove ch’a si nee tal lat, la chitare che cun sacralitât e rispiet a tâe la caglade, il çuç che strent ta piece al disgote il sîr prime di finî tal talç…
Un mont di sons e di nons che voi al vîf ormai dome in cualchi casere di mont.
La Dalbide à volût ravuei dongje la storie di cheste realtât nassude a Çurçuvint il 12 di novembar dal 1899, une latarie ch’a ere encje ‘Cooperativa di smercio, di Consumo e di Lavoro e Cassa Rurale di Prestiti’. Sfoant las pagjinas dal Lunari si scuvierç che tal 1903 la division tra Disorans e Disotans à dât vite a dôs latarias diviersas: al è come tornâ a vivi un bacon di storie, dutune cui fedârs che si son dâts la volte, enfre documents, cjartas, imprescj e rumôrs e il bon odôr dal çuc che al travane dal desc.
Dut chest insuagiât ta biele vieste curade da Tip. Cortolezzis di Paluce, cun fotos di Annarita De Conti, Alessandra Silverio e dal Archivi dal Circul Culturâl e il patrocini da Aministrasion Comunâl.