Il jukebox umano degli Oblivion fa tappa a San Daniele

Ultimo appuntamento per la stagione teatrale di San Daniele: “Oblivion: The Human Jukebox” andrà in scena martedì 21 marzo alle 20.45 all’Auditorium Alla Fratta.

Graziana Borciani, Davide Calabrese, Lorenzo Scuda, Fabio Vagnarelli e Francesca Folloni sono il Jukebox umano del titolo: un articolato mangianastri che mastica tutta la musica mai scritta e la digerisce in diretta in modi mai sentiti prima. Rispetto agli spettacoli precedenti degli Oblivion, c’è una grande novità: alla creatività dei protagonisti si aggiunge quella del pubblico che contribuirà a creare il menù della serata suggerendo gli ingredienti della pozione.

Gli Oblivion hanno in repertorio tutto, l’intero pantheon dei grandi della musica italiana e internazionale e sono pronti ad affrontare sfide sempre più difficili a colpi di parodie, mash-up, duetti impossibili, canzoni strampalate. Un flusso di note e ritmi infinito che prenderà vita davanti agli occhi e alle orecchie degli spettatori, ogni sera, per una esperienza mai ripetibile. Dal Trio Lescano ai rapper, da Ligabue ai Beatles, da Morandi ai Queen…

Dopo il loro incontro nel 2003 a Bologna, gli Oblivion iniziano a frequentare una serie di maestri eccellenti come il  Quartetto Cetra,  Rodolfo  de  Angelis,  Giorgio Gaber, i Monty Python fino a creare un loro stile originale che mescola modernità e tradizione, vintage e attualità. Sette anni intensi spesi nel teatro di rivista e nei musical, poi nel 2009 diventano notissimi al grande pubblico grazie al loro video su YouTube I  Promessi Sposi in 10 minuti, geniale micro-musical visto ad oggi da quasi 3 milioni di utenti. Il passo successivo è il teatro, con gli spettacoli Oblivion Show, Oblivion Show 2.0: il sussidiario e OtHello, la H è muta, lavori che hanno fatto segnare una serie infinita di tutto esaurito al botteghino, ottenendo lodi da pubblico e critica.

Maggiori informazioni al sito www.ertfvg.it o chiamando la Biblioteca Guarneriana di San Daniele (0432 946567).