In Automotive lavoratori in assemblea dopo il caso dei “somministrati” lasciati a casa

Negli ultimi tre anni sono stati stabilizzati 250 lavoratori, gli ultimi 50 prima del 14 luglio, poi il 29 luglio scorso gli altri 20 in scadenza sono stati lasciati a casa, al loro posto invece ne sono stati inseriti 10 di nuovi. E per i prossimi mesi, già a settembre, la situazione potrebbe ripresentarsi. Lo spauracchio prima, e l’approvazione poi, del decreto Dignità ha i suoi primi riflessi pure nelle industrie del Friuli, all’Automotive Lighting di Tolmezzo in particolare, una delle principali aziende del metalmeccanico friulano con i suoi quasi mille dipendenti.

A lanciare l’alert ieri i sindacati, con il segretario nazionale della Fim Cisl Ferdinando Uliano salito in Carnia ad incontrare in due distinte assemblee i lavoratori.

Dichiarazione del Segretario Nazionale Ferdinando Uliano della #FIM CISL a margine della prima assemblea di oggi.Prospettive per lo stabilimento di Tolmezzo e impegno a gestire contrattualmente le mancate proroghe dei contratti di somministrazione del mese di luglio.

Posted by Fabiano Venuti on Wednesday, 8 August 2018

Con Uliano erano presenti anche i delegati di fabbrica e il rappresentante della Fim Cisl Fvg Fabiano Venuti, dal quale sono arrivate rassicurazioni invece sul settore Ricerca&Sviluppo di Automotive: “Ci hanno spiegato che oggi giorno sviluppare un fanale non è più così oneroso in termini temporali come in passato, e gli elevati standard di sicurezza industriale comportano il dilatarsi delle comunicazioni per i nuovi progetti – spiega Venuti – la nota positiva è che proprio in questo settore si sta ricercando professionalità, ad inizio anno erano 102 gli occupati in questo settore dell’azienda, ora sono 118 e si sta cercando ancora professionalità elevate, ingegneri elettronici in particolare, per potenziare lo staff, ma si fa fatica perchè sul territorio non si trovano”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *