Il magistrato Nicola Gratteri ritorna ospite al LAB di Gemona

Sabato 4 agosto, alle ore 18, nella sala Consigliare del Municipio di Gemona, il procuratore di Catanzaro e noto magistrato anti ‘Ndrangheta, Nicola Gratteri sarà ospite del Laboratorio internazionale della comunicazione 2018, per un incontro aperto al pubblico sul tema dell’educazione al rispetto delle regole e della cultura della legalità.

Al procuratore Gratteri, che nel corso degli anni ha più volte arricchito la proposta formativa del Lab con la sua presenza, il Laboratorio consegnerà un riconoscimento «per il lavoro svolto insieme a favore della diffusione tra i giovani anche a livello internazionale della cultura della legalità e della educazione al rispetto delle regole, un impegno a lui molto caro. Il problema è mondiale perché il femoneno ndranghetista è internazionale », spiega la direttrice del Lab, Emanuela DeMarchi.

Nell’anno in cui il Lab unisce le sue attività sotto il titolo “(S)Confinare”, per indagare l’Italia e i suoi territori a partire dalle vocazioni del Friuli Venezia Giulia, questo appuntamento «mette al centro il tema sul quale non sono ammissibili sconfinamenti, cioè quello della legalità – sottolinea DeMarchi -.Anzi, i racconti spesso agghiaccianti di ciò che ha conosciuto e combattuto con le armi della legge il procuratore Gratteri rappresentano efficacemente la deriva che producono gli sconfinamenti in questo caso”.

Per questo, il Lab persegue la sua mission a favore di una comunicazione costruttiva anche preoccupandosi di diffondere la cultura della legalità tra i più giovani, a partire dalla capacità di rispettare le regole. Un impegno che «chiama in causa l’impegno degli adulti, delle istituzioni, per sapere educare a tale rispetto e la responsabilità dei giovani a costruire il bene per sé e per la collettività», conclude DeMarchi.

Nicola Gratteri, dall’aprile 2016 Procuratore della Repubblica di Catanzaro. Saggista, ha all’attivo numerose pubblicazioni, l’ultima delle quali è il saggio-shock «Fiumi d’oro», Mondadori 2017.

Commenta con Facebook