I Carabinieri forestali donano tre alberelli alla comunità di Tolmezzo

Marianna, Alberto e Arcobaleno: sono i nomi di tre piccoli alberi, poco più di tre germogli, ma potenzialmente tre querce secolari.

Questo il significato simbolico con cui l’Amministrazione Comunale di Tolmezzo ha scelto il nido Arcobaleno come luogo dove collocare le querce donate alla comunità dal Comando unità per la tutela forestale dell’Arma dei Carabinieri.

Assieme al sindaco Francesco Brollo e all’assessore Daniela Borghi, i piccoli alunni hanno messo a dimora i tre alberi sotto l’attenta guida e supervisione dei rappresentanti del Corpo Forestale regionale e dei Carabinieri Forestali.
Con entusiasmo e curiosità, accompagnati dalle educatrici e dalla coordinatrice, i bimbi hanno usato palette e innaffiatoi per abbellire il loro giardino con le nuove piante del progetto nazionale “Un albero per il futuro”.

“Lì dove i più piccoli vengono accompagnati a mettere le prime radici nella nostra comunità, ovvero all’asilo nido, abbiamo voluto impiantare questi simboli di rinascita e di futuro – dice Brollo -. Ringraziamo i forestali per l’apporto, la coordinatrice e le educatrici per la disponibilità e il coinvolgimento della scuola dell’infanzia”.

“Un iniziativa a cui l’Amministrazione ha aderito con convinzione, scegliendo un’ubicazione simbolica come l’asilo nido per trasmettere alle future generazioni l’importanza della salvaguardia ambientale e del rispetto del territorio”, ha aggiunto l’assessore Borghi.