Gran rimonta per Pittin e Buzzi nella Coppa del Mondo di combinata nordica

Si è svolta oggi la prima delle tre gare di Coppa del Mondo di combinata nordica in Val di Fiemme.

Dopo il salto dal trampolino HS104 di Predazzo, Alessandro Pittin era 37°, lontano 2’36” dal leader (ancora una volta il norvegese Riiber), mentre Raffaele Buzzi era 41° a 2’53” dalla vetta.

Nella prova di fondo sui 10 km, disputata a Lago di Tesero, il carnico e il tarvisiano hanno effettuato una gran rimonta. Pittin è risalito fino al 14° posto a1’23” da Riiber, mentre Buzzi ha chiuso 24° a 2’08”, ottenendo così il suo miglior risultato in carriera in CdM.

Riiber ha vinto con 8″4 sul finlandese Herola e 9″8 sul tedesco Geiger.

ALESSANDRO PITTIN: “Alla fine il risultato è abbastanza buono, però se il fondo è andato bene il salto non mi rende per niente contento. Tra ieri e stamattina ho comunque fatto tre salti nelle prime dieci posizioni, purtroppo non erano di gara e lasciano il tempo che trovano in classifica, ma la prestazione era totalmente diversa. Mi fa rabbia non riuscire a stare tranquillo in gara, ho sempre troppa voglia di fare, troppa foga e quindi il problema è quello, dovrei riuscire a star tranquillo e fare quel che so fare, e basta. La neve di stanotte non ha rallentato il trampolino, che di notte è comunque coperto. Anche stamattina la nevicata non ha dato problemi di velocità: il trampolino era preparato benissimo, nessun problema. Le piste della Val di Fiemme si prestano molto alla “selezione” e oggi ne abbiamo avuto una prova, rispetto alla prima gara in Austria la pista di fondo qui è totalmente diversa, la neve fresca rallenta un po’ la pista ed oggi era un po’ più dura. Ho avuto la fortuna di avere l’americano Fletcher che oggi è andato forte e mi ha dato una mano, abbiamo recuperato bene, il distacco dai primi venti non era poco. C’erano dei bei buchi e avere qualcuno a darmi una mano mi ha sicuramente aiutato”.

RAFFAELE BUZZI: “La competizione di oggi è andata bene, è stata dura come sempre ma mi sono trovato meglio degli altri anni, quindi sono contento. Gareggiare su questa neve è stato un po’ difficile; la nevicata di stanotte si è sentita e ha reso la gara leggermente più complicata e competitiva. Nel salto invece non ha per niente rallentato lo stacco, la velocità era la stessa di ieri grazie all’ottimo lavoro dei soffiatori”.

Sabato appuntamento con la team sprint: salto alla 10, la 2×7.5 km di fondo alle 13.30.

(foto Newspower)

Commenta con Facebook