Gli studenti tolmezzini alla scoperta di Leonardo con il Festival Mimesis

Chi fu davvero Leonardo da Vinci? Come nacque e germogliò il suo genio? E soprattutto cosa ci insegna oggi la sua figura di studioso a tutto tondo, capace di coniugare e ibridare il sapere umanistico con la riflessione tecnico-scientifica?
A partire da questi interrogativi
sabato 19 ottobre alle ore 10 al Teatro Candoni di Tolmezzo si aprirà l’incontro promosso dall’Isis “Paschini-Linussio” dal titolo “Leonardo da Vinci: arte, scienza e tecnica”.

A dialogare con gli studenti sono stati invitati lo scrittore e critico letterario Arnaldo Colasanti dell’Università di Roma e la filosofa e studiosa di Estetica Roberta Dreon dell’Università di Venezia, con la moderazione di Giacomo Plozner, ex studente del Liceo Paschini attualmente iscritto a Scienze Filosofiche presso l’Università di Bologna. 

L’iniziativa si inserisce nella cornice del Festival Mimesis 2019 e nasce dalla collaborazione tra l’Istituto carnico, la casa editrice milanese e l’Amministrazione comunale di Tolmezzo. L’incontro, pensato per gli studenti del Triennio delle Scuole secondarie, sarà aperto al pubblico. 

Sempre a Tolmezzo si svolgerà l’appuntamento di venerdì 25 ottobre alle ore 20.30 presso la Sala Riunioni di via Marchi. Laura Boella, professore ordinario di Filosofia Morale presso l’Università di Milano, interverrà in una conferenza aperta a tutta la cittadinanza sul tema “Emozioni negative: rabbia, sentimento e odio”. 

Comprendere e interpretare l’opera e la personalità di Leonardo da Vinci, a partire dalla sua dimensione scientifica, artistica e filosofica, è il proposito principale dell’edizione 2019 del Festival Mimesis, che si svilupperà in due distinti weekend, dal 18 al 19 e dal 24 al 26 ottobre. Come nelle passate edizioni, il Festival ha tra le sue finalità il coinvolgimento dei territori che attraversa e soprattutto la formazione degli studenti delle Scuole superiori. Verranno infatti orgnizzati incontri e dibattiti nelle città e negli Istituti di Tolmezzo, Cividale, San Daniele, Gorizia e Trieste.

 

Commenta con Facebook