Giovani sciatori dell’Alto Friuli protagonisti alle premiazioni nazionali di fine stagione

Anche quest’anno sono state le nevi ancora invernali del ghiacciaio della Val Senales ad ospitare il Gran Finale di stagione della FISI.

Oltre cento giovani campioni italiani di tutte le discipline federali e una rappresentanza degli atleti del Comitato Alto Adige, vincitore del Criterium Cuccioli, si sono riuniti agli oltre 3.000 metri del rifugio Grawand per ricevere il premio federale che è stato loro consegnato dai campioni delle Nazionali maggiori.
La giornata è cominciata presto, sulle piste, con una sciata in libertà dei più giovani insieme nomi nuovi dello sci alpino nazionale: Alex Vinatzer, Lara Della Mea e Tobias Kastlunger. Sul ghiacciaio però, c’erano anche i top dello ski-alp Robert Antonioli, fresco vincitore della Coppa del mondo, Michele Boscacci e Alba De Silvestro. Poi tutta la squadra dello slittino naturale, capitanata da Patrick Pigneter, che ha partecipato alla festa dei campioncini. C’è stato il tempo anche per mettere in scena il gigante “Giogo Alto”, ottimamente organizzato dalla Val Senales, gara che ha messo in sfida nomi noti e piccoli atleti.
La sera si è tenuta le cerimonia di premiazione, con la partecipazione di grandi nomi dello sci alpino internazionale quali Peter Fill, Manfred Moelgg e Riccardo Tonetti.
Ma la FISI era arrivata a Maso Corto già nel pomeriggio di giovedì, con i propri direttori tecnici di fondo, snowboard e freestyle e biathlon, per prendere parte all’Innovation Day on Snow, organizzato da NOI techpark, in collaborazione con la Fiera di Prowinter e la stessa Val Senales.

Nella foto gli 11 campioni italiani giovanili friulani premiati in Val Senales: da sinistra Ludovica Del Bianco, Martino Zambenedetti, la “madrina” Lara Della Mea, Federico Flora, Greta Pinzani, Martina Zanitzer, Astrid Plösch, Sofia Del Fabbro, Katia Mori, Ilaria Scattolo, Serena Del Fabbro e Desiree Ribbi.

Commenta con Facebook