Sport in Alto Friuli, trampolino per il successo

In principio fu Oscar Pistorius, scelto in qualità di Testimonial di un progetto che all’epoca era ancora tutto da sviluppare. Fu alle Olimpiadi di Londra del 2012 che il nome di Gemona del Friuli balzò per la prima volta agli onori della cronaca sportiva mondiale quando l’atleta paralimpico vinse la sua sfida tra i normodotati arrivando a gareggiare nelle semifinali dei 400 metri e poi anche nella finale della staffetta 4×400. Poi il drammatico epilogo con i noti fatti di cronaca (l’omicidio della fidanzata Reeva Steenkamp)  che pian piano allontanarono Oscar dalla cittadina pedemontana.

Ma Gemona, con il suo progetto “Città dello Sport e del Benstare” (che coinvolge oltre una dozzina di comuni e una miriade di associazioni sportive oltre che l’Università, l’AAS e tutta una serie di sponsor privati) non si è arresa, ha continuato a lavorare dietro le quinte per promuovere quella filosofia a tre punte, basata su sport-turismo-microeconomia. Decidendo nel contempo di dare una svolta alla sua immagine, puntando ovvero su una serie di nuovi testimonial dal volto giovane, sconosciuto ma promettente. Sono il ciclista professionista Alessandro De Marchi, il climber Adam Ondra e la parapendista Nicole Fedele. Parallelamente proseguono gli accordi sportivi con la SASCOS, la Federazione Olimpica Sudafricana e più recentemente con la FIS, la Federazione Italiana Scherma.

Il resto è storia fresca, un 2015 così è da incorniciare, il nome di Gemona torna prepotentemente sotto i riflettori dello sport mondiale.

 

L’ALBO D’ORO 2015

nicole fedele parapendio brasile record (800x600)Colombia, Campionato Mondiale FAI, 27 gennaio 2015: la friulana Nicole Fedele conquista con il suo parapendio la medaglia di bronzo; sempre quest’anno ha ottenuto il 1° posto femminile e 10° posto assoluto ai Nordic Paragliding Open, gara internazionale di volo libero a distanza svoltasi proprio sui cieli del Friuli. Nicole è detentrice di 8 Record del Mondo, Campionessa del mondo PWCA 2012, Campionessa Europea 2012, Componente della Squadra Nazionale Italiana.

 

 

 

DSC_1212Pechino, Mondiali di Atletica Leggera, 26 agosto 2015: l’atleta sudafricano Wayde Van Niekerk, 23 anni, conquista a sorpresa con una grandissima prestazione la medaglia d’oro nei 400 metri piani (43’’48 la sua performance). Da ben quattro anni si stanno allenando tra gli impianti della cittadina pedemontana, diventata ormai la sua seconda casa per 4-5 mesi l’anno.

 

Pechino, Mondiali di Atletica Leggera, 27 agosto 2015: l’atleta sudafricano Anaso Jobodwana, arriva terzo (19″87) e conquista il bronzo nella gara dei 200 metri dietro agli alieni Usai Bolt (19″55) e Justin Gatlin (19″74). Anche lui è della nidiata di Wayde.

 

alessandro de marchiSpagna, Vuelta, 5 settembre 2015: il ciclista friulano Alessandro De Marchi, 29 anni, il “Rosso di Buja” della BMC Racing, vince la 14ª tappa (215 km e arrivo in salita alla Fuente del Chivo). L’anno prima al Tour de France aveva conquistato il Premio della Combattività.

 

 

dettaglio ondra arrampicata pal piccolo (800x533)Arco, Trentino, 5 settembre 2015: il climber Adam Ondra, 22 anni della Repubblica Ceca, con il miglior tempo della gara (1’10) e per la seconda volta – la prima è stata nel 2011 – vince il Rock Master, tra i principali master di arrampicata sportiva del mondo. Ha vinto il premio Salewa Rock Award, l”Oscar dell’arrampicata” per quattro volte: nel 2008, 2010, 2011 e 2013. E’ stato campione del mondo sia “Builder” che “Lead” nel 2014.

 

 

bebe vioEger, Ungheria, 19 settembre 2015. La diciottenne atleta paralimpica Bebe Vio conquistata l’oro mondiale nel fioretto e staccato il pass per le olimpiadi di Rio de Janeiro. Era già stata campionessa italiana ed europea della disciplina nel 2012. Ospite a Gemona per la prima volta nel 2010 in occasione del premio “Gamajun” promosso dal Lab, è stata la tramite e testimonial del campus promosso dalla Federscherma proprio a Gemona nel luglio scorso.

 

 

LO SPLENDIDO VIDEO DI UPONADREM