Frodi on line, allarme di Confartigianato-Imprese Udine

Non una ma due fatture. Ricevute a breve distanza l’una dall’altra. Praticamente identiche, salvo per l’Iban. E’ l’ennesimo caso di truffa on-line, fortunatamente fallito. Lo ha denunciato alla Polizia postale un associato a Confartigianato-Imprese Udine: si è visto clonare una fattura inviata a un cliente con il rischio che quest’ultimo effettuasse il bonifico non a favore dell’impresa ma del truffatore, ora nel mirino degli ispettori di polizia. Fortunatamente il tentativo di truffa è come detto rimasto tale. Prima di effettuare il bonifico, il cliente ha infatti contattato telefonicamente l’impresa, che si è immediatamente attivata per denunciare il caso alla Polizia postale.
L’associazione mette in guardia le imprese e in generale i consumatori affinché prestino la massima attenzione a tutto quanto ricevono via email. Il modus operando denunciato dall’artigiano è infatti utilizzato sempre più spesso a danno delle imprese che non possono sperare in alcun tipo di ristoro. L’unica arma disponibile è la prevenzione: evitare di cadere in queste trappole è infatti più semplice che rientrare delle somme truffate, ingenti o meno che siano. Che fare? Tesoro dei consigli polizia postale che Confartigianato-Imprese Udine fa suoi. Due su tutti: installare sul pc, che sia aziendale o destinato ad uso domestico, un robusto antivirus da mantenere aggiornato su tutti i dispositivi connessi con la rete. E poi telefonare, in caso del benché minimo dubbio, prima di effettuare qualsiasi pagamenti. Tanto basta per mettersi al riparo da spiacevoli incidenti.