Falcidia di punti patente in Friuli, decurtati 6.500 in più in un anno

Con oltre 15.500 pattuglie in servizio di vigilanza, sulla viabilità autostradale e ordinaria, la Polizia stradale del Friuli Venezia Giulia nel 2016 ha accertato 44.242 infrazioni al codice della strada, ritirato 1.403 patenti di guida e 1.315 carte di circolazione; più di 17.000 gli utenti soccorsi dalla Polstrada per avarie al veicolo, malesseri o altre situazioni di difficoltà.

L’insieme delle infrazioni contestate ha comportato la decurtazione di 76.599 punti della patente, quasi 6.500 in più dello scorso anno. Particolare attenzione è stata rivolta al contrasto delle condotte di guida fonte di distrazione, la prima causa degli incidenti stradali: particolare impulso ai servizi di contrasto della guida con l’uso del cellulare, utilizzando anche auto civetta, con 1.683 conducenti sanzionati, 636 in più (+37,7%).

In FVG la Polizia Stradale ha rilevato 12 incidenti in più che nel 2015: 2.263 i sinistri in cui è intervenuta; inferiore il numero dei feriti, 1.406 (-72). Sono aumentati gli incidenti mortali, 26 (+6), a causa dei quali 28 persone sono decedute (+7). I conducenti controllati con etilometri, alcool test e drug test sono stati 38.586, di cui 405 multati per guida in stato di ebbrezza alcolica e 34 denunciati per guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti. Nella seconda metà dell’anno a Trieste, Udine e Gorizia sono stati attivati dei moduli operativi sperimentali di controllo sui conducenti alla guida sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, 26 in totale, con un vero e proprio ufficio mobile su camper.

Il controllo nel settore del trasporto professionale ha visto 415 servizi con l’impiego di 942 operatori. Sono stati 3.753 i servizi disposti per il contrasto del sovraccarico e in genere sull’osservanza delle norme sull’autotrasporto. Sono state elevate 8.776 infrazioni ai mezzi pesanti, di cui 814 stranieri. Sono stati sottoposti a controllo 257 autobus per gite scolastiche, dei quali 16 hanno evidenziato almeno una irregolarità, per un totale di 28 infrazioni. Ai servizi programmati mensilmente a livello regionale sono stati affiancati dispositivi specifici secondo il modello delle “Operazioni ad Alto Impatto”, circa quattro al mese – complessivamente 40 – con controlli di legalità nel settore dell’autotrasporto, della copertura assicurativa, degli pneumatici, sull’uso corretto degli apparati radio telefoni, delle cinture di sicurezza, sul trasporto degli animali vivi e delle sostanze alimentari, le attività di autodemolizione.

Nell’anno sono stati 1.110 i reati perseguiti, 17 le persone arrestate, 853 denunciate e 39 i veicoli sequestrati o recuperati. Sono stati controllati 148 esercizi pubblici – autodemolitori, autonoleggi, carrozzerie, autofficine, agenzie di pratiche automobilistiche, autoscuole – e accertate 20 violazioni alle normative.