Erik Pittini scatenato, ancora una gran vittoria nel tiro a volo

Il 2° Gran Premio di Skeet con formula Issf ha portato sulle pedane di Conselice (Ravenna) 157 specialisti, che si sono sfidati per aggiudicarsi le medaglie messe in palio nell’importante appuntamento di caratura nazionale. Splendida la gara andata in scena tra i tiratori della massima categoria, che ha avuto come vincitore Erik Pittini. Il ventiquattrenne di Priola di Sutrio si è reso protagonista di una prestazione da primato mondiale: chiuse le qualificazioni senza aver commesso errori con un perfetto 125/125, il carnico ha sfidato il casertano Tazza, anch’egli arrivato all’ultimo lancio regolamentare senza errori. Dopo un lunghissimo ed emozionante spareggio, il campano si è assicurato il primato assoluto con +14, mentre il friulano si è fermato a +13,, accedendo comunque entrambi alle semifinali. I due tiratori hanno dominato il penultimo turno e si sono incontrati nuovamente nella finalissima per le medaglie insieme a Lodde e al campione olimpico di Rio 2016 Rossetti. Il duello per il successo ha visto sfidarsi Lodde e Pittini: il sutriese sapeva di non dover sbagliare nulla per potersi assicurare la vetta e così ha fatto, con un perfetto 40/40 che non ha lasciato libertà di movimento all’avversario, costretto al secondo posto pur con un notevole 39/40.

Nella prova femminile, vinta da Diana Bacosi (campionessa olimpica di Rio 2016 e medaglia d’argento a Tokyo 2020), terzo posto per il simbolo del tiro a volo friulano, l’olimpionica di Pechino 2008 Chiara Cainero.

(nella foto il podio maschile, con Pittini al centro in alto)