Emergenza neve in Abruzzo, partiti da Palmanova i tecnici del Soccorso Alpino

Questa mattina alle 4.30 è partito dalla sede della Protezione civile di Palmanova un altro gruppo di tecnici del CNSAS – FVG per prendere parte ai soccorsi in Abruzzo. Si tratta di quattordici uomini del Soccorso Alpino e del Soccorso Spelologico, provenienti dalle stazioni di tutta la regione. Si sono uniti alla colonna mobile della Protezione Civile, composta da volontari della Protezione Civile e da uomini del Corpo forestale con le motoslitte.

Questo gruppo si è aggiunto a quello già convocato ieri e composto da dieci uomini che viaggiano distribuiti su due mezzi fuoristrada attrezzati, gruppo che a sua volta è partito autonomamente questa mattina alle 8.

In dotazione alla colonna 4 motoslitte e tutta l’attrezzatura necessaria per operare in sicurezza in ambiente montano innevato. L’attività richiesta dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile è il monitoraggio e rilevamento del manto nevoso finalizzato alla valutazione del rischio valanghe ai fini della riapertura in sicurezza dei numerosi tratti stradali interrotti dalle slavine cadute in seguito alle copiose nevicate e permettere così di raggiungere frazioni, borgate e casolari tutt’ora isolati.

L’attività degli 8 forestali e dei 15 soccorritori del CNSAS fornirà i dati necessari alla predisposizione dei bollettini di previsione del pericolo valanghe alla cui elaborazione provvedono anche 2 previsori del CFR, già operativi in zona su richiesta dell’Associazione Interregionale Nevi e Valanghe (AINEVA) di cui è presidente Shaurli.

Il coordinamento delle operazioni e i collegamenti con le strutture nazionali di Protezione Civile è assicurato da un funzionario della PCR che guida la colonna mobile.

AGGIORNAMENTO DALL’HOTEL RIGOPIANO
I soccorritori hanno estratto viva una quarta persona dalle macerie dell’hotel Rigopiano. Si tratta di un uomo, che sarebbe ferito. Nel corso della notte sono state così salvate finora quattro persone, due donne e due uomini. Si tratta del gruppo delle cinque che erano ancora all’interno della struttura e che erano state individuate nella giornata di ieri. I soccorritori continuano a lavorare senza sosta per recuperare l’altra e individuare l’altra ventina di persone che ancora manca all’appello.

Sale anche il bilancio delle vittime: quattro, due donne e due uomini. I soccorritori hanno infatti trovato fra le macerie il corpo di una seconda donna, dopo quella individuata in precedenza.

Miracolo a Rigopiano: ci sono ancora superstiti sotto le macerie dell’hotel spazzato via da una slavina. Tre bambini sono stati estratti vivi dai vigili del Fuoco nel tardo pomeriggio dopo oltre 40 ore. Tra loro anche Ludovica Parete, figlia del cuoco, Giampiero, sopravvissuto fin dal primo momento alla tragedia e che aveva dato l’allarme inascoltato del crollo dell’albergo. Prima di loro erano stati salvati la moglie e l’altro figlio.

DONAZIONI CROCE ROSSA DI UDINE

A Udine la raccolta di materiale avverrà presso la struttura di piazza Unità d’Italia dalle 15 alle 18 di sabato 21 gennaio e dalle 10 alle 12 di domenica 22. Successivamente le diverse squadre porteranno i materiali raccolti alla Croce rossa Fvg che li consegnerà in Centro Italia. Sarà anche aperto, dalle 10 alle 13 di sabato e domenica, l’autoparco della Cri, a Udine, in via Brigata Re.

“C’è estremo bisogno di coperte, guanti, cappelli, giubbotti, scarponi da neve, scarpe pesanti, cuscini, ma anche gruppi elettrogeni da 4/5 Kw diesel»