Due eventi collaterali a Tolmezzo aspettando la terza edizione di Innovalp

C’è attesa per la terza edizione di Innovalp, il festival delle idee per la montagna, che si aprirà mercoledì 27 marzo a Tolmezzo. La manifestazione, che quest’anno esplorerà il tema della “Voglia di volare, la montagna come luogo in cui trasformare le disuguaglianze in opportunità di crescita” in collaborazione con il Forum Disuguaglianze Diversità, debutterà però già dal 15 marzo con il primo dei due eventi collaterali “Anteprima Innovalp”. Il secondo appuntamento è per sabato 23 marzo.

“Le opportunità e le dis_eguaglianze”, è questo il titolo dell’incontro che si terrà venerdì 15 marzo alle 18 a Casa Gortani  di Tolmezzo, al quale interverrà Vito Peragine, professore ordinario di Economia Politica presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”, che dialogherà con Omar Monestier, direttore del Messaggero Veneto.

Promuovere le pari opportunità significa tutelare in maniera eguale le differenze di ogni individuo, in modo che chiunque possa sviluppare le proprie attitudini e capacità a favore della comunità in cui vive, considerando positivamente le disuguaglianze socio-ambientali e oltrepassando – una volta per tutte – la diversità di genere. È così che entra in campo il ragionamento sulla compensazione da mettere in atto rispetto alle circostanze esogene, quelle che non dipendono dal talento o dall’impegno dell’individuo, ossia: l’origine familiare, i fattori ereditari e il reddito dei genitori, la provenienza geografica e altri fattori come la razza, l’etnia o il genere.

Garantire pari opportunità significa rimuovere o compensare gli effetti di circostanze ereditate, ma continuando a premiare l’impegno individuale. Dov’è il confine tra circostanze e impegno? Che relazione c’è fra pari opportunità e meritocrazia? Che incidenza ha la disuguaglianza di opportunità, oggi? Quali sono i meccanismi che favoriscono le pari opportunità? Sono queste le tematiche che l’incontro di venerdì 15 marzo si prefigge di affrontare e alle quali Vito Peragine e Omar Monestier daranno ampia interpretazione.

L’incontro è gratuito, chiunque desideri partecipare può iscriversi compilando il form ‘Prenota Seminario’ presente sulla pagina dell’evento (www.innovalp.it/seminari/le-opporounioa-e-le-dis-eguaglianze) oppure inviando una mail a info@innovalp.org. Per ulteriori informazioni è possibile visitare il sito www.innovalp.it.

Vito Peragine insegna Economia Politica presso l’Università degli Studi di Bari “Aldo Moro”. I suoi principali interessi di ricerca riguardano l’analisi distributiva, l’economia delle povertà e della disuguaglianza, le politiche sociali, l’economia dell’istruzione, l’analisi delle scelte sociali e su questi temi ha pubblicato volumi e articoli sulle principali riviste nazionali e internazionali. Dopo aver conseguito il Dottorato in Economia all’Università di York è stato ricercatore presso l’Università Carlo III di Madrid e visiting professor e visiting fellow presso diverse istituzioni, tra cui: The World Bank, Université du Luxembourg, College d’Etudes Mondiale, Paris, Institut d’Études Avancées, Paris (France), University of Oregon (USA), Statistics Norway (Norway), CNRS (France), University of Montreal, London School of Economics.

Il Forum Disuguaglianze Diversità è insieme un think tank e un’alleanza, e nessuna delle due, visto il significato distorto che hanno assunto. È un luogo di incontro di conoscenze di due mondi, della ricerca e della cittadinanza attiva; e poi di diffusione di informazioni e dati e di sperimentazione di metodi di confronto. È promosso da un Comitato formato da trentacinque persone e da otto organizzazioni di cittadinanza attiva (ActionAid, Caritas Italiana, Cittadinanzattiva, Dedalus Cooperativa Sociale, Fondazione Basso, Fondazione di Comunità di Messina, Legambiente, UISP). La sua missione è quella di produrre, promuovere e influenzare proposte per l’azione collettiva e per l’azione pubblica che favoriscano la riduzione delle disuguaglianze e l’aumento della giustizia sociale, secondo l’indirizzo dell’articolo 3 della Costituzione. Le attività del Forum DD si concentrano da un lato sulla progettazione concreta nei territori, a partire dalla moltitudine di pratiche già in corso e dall’altro sulla costruzione di proposte di politiche pubbliche. Per il suo primo biennio di lavoro si è concentrato sulle disuguaglianze di ricchezza a partire dalle idee di Anthony Atkinson, economista britannico scomparso nel gennaio 2017 che ha dedicato gran parte della sua vita al tema delle disuguaglianze. Le 16 proposte per la giustizia sociale, contenute in un Rapporto che verrà presentato il 25 marzo a Roma, intervengono su tre meccanismi di formazione della ricchezza: il cambiamento tecnologico, il potere negoziale del lavoro, il passaggio generazionale. Le proposte sono costruite per mostrare che, se vogliamo, possiamo cambiare. Nei mesi successivi saranno sperimentate e dibattute insieme ad amministrazioni comunali, università, imprenditori, organizzazioni e sindacati e mondo della cittadinanza attiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *