DP66 Giant SMP quasi al completo nella tappa di Vittorio Veneto del Master Cross

Lo scorso anno fu una delle gare meno fortunate per la DP66 Giant SMP che, sui sentieri di Vittorio Veneto, colse solo la vittoria tra gli allievi di Stefano Viezzi.

Anche per questo motivo domenica 28 novembre la formazione friulana si schiererà quasi al completo al 37° Gran Premio Città di Vittorio Veneto, prova nazionale e terzo atto del circuito Master Cross.

Le premesse per fare bene ci sono tutte, come testimoniano le due maglie da leader nelle categorie Open già sulle spalle degli atleti della DP66 Davide Toneatti e Sara Casasola.

Al fianco dei due leader di classifica, nelle prove open gareggeranno Elisa RumacTommaso BergagnaRiccardo Costantini e Manuel Casasola, mentre Carlotta Borello osserverà un turno di riposo.

Cinque gli alfieri della DP66 Giant SMP al via della prova junior: Tommaso Cafueri e Tommaso Tabotta sono in lizza per un posto sul podio, mentre Alessandro Da Pare’ vorrà dimenticare la gara sfortunata di Ancona. In campo femminile, cercheranno di entrare nella top 5 sia Gaia Santin che Elisa Viezzi.

Nutrita la pattuglia dei giovani, che quest’anno hanno regalato soddisfazioni ai tecnici Achille SantinMichele Casasola e Maurizio Tabotta.

Tra gli allievi sarà al via Andrea Montagner, mentre tra le allieve saranno in tre a Vittorio Veneto: Nadia CasasolaMartina Montagner e Bianca Perusin. Al completo le donne Esordienti, con Nicole CanzianCamilla PetrisAnnarita CalligarisJulia Magdalena Mitan e Camilla Murro, attualmente terza in classifica generale. Con loro gli amatori Thomas Felice e Marco Del Missier.

Ad attenderli l’impegnativo tracciato di Vittorio Veneto, nel cuore della Marca Trevigiana, che quest’anno potrebbe essere ancora più selettivo, visto il maltempo di questi giorni.

Dovranno fare i conti con la pioggia anche i cinque alfieri che si recheranno a Mattinata per la quinta tappa del Giro d’Italia Ciclocross. A onorare la gara pugliese saranno: l’amatore Gilberto CancianiLisa CancianiMarco PavanStefano Viezzi Alice Papo (nella foto).

Marco Pavan sarà chiamato a difendere la maglia bianca di miglior Under 23 conquistata a Follonica. Un compito alla portata dell’atleta piemontese, che in queste ultime settimane sta sfoggiando un buon colpo di pedale, come testimonia il terzo posto di una settimana fa ad Ancona.

Rafforzare la leadership nella graduatoria di migliore junior sarà l’obiettivo di Lisa Canciani, la diciassettenne di Gemona impegnata in una lotta punto a punto con atlete di primo livello come Federica Venturelli, Valentina Corvi e la compagna di squadra Elisa Viezzi. Andrà a caccia di punti pesanti anche l’allievo Stefano Viezzi, in lizza per indossare la maglia rosa.

Tra le donne Open Alice Papo cercherà di salire per la terza volta sul podio al Giro, anche per togliere punti alle rivali di Sara Casasola che, gareggiando a Vittorio Veneto, potrebbe perdere la maglia.

«Per quanto la stagione sia impegnativa, con tanti appuntamenti da onorare, per ora il bilancio è più che positivo: abbiamo maglie da leader sia al Giro, che al Master Cross che al Triveneto e guidiamo la classifica del campionato italiano di società», spiega il presidente del sodalizio friulano Michele Bevilacqua. «Siamo però consapevoli che il clou della stagione deve ancora arrivare, a partire dalle prossime prove di Coppa del Mondo a cui speriamo di essere presenti».

Già a dicembre il calendario si fa interessante, soprattutto per le categorie internazionali.

Sabato 4 la Coppa Italia giovanile a Fanano (MO), domenica 5 il Trofeo Valfontanabuona di San Colombano Certenoli (GE), mercoledì 8 il 19° Ciclocross internazionale del Ponte (TV) e poi le quattro prove di Coppa del Mondo a Vermiglio, Rucphen, Namur e Dendermonde, senza dimenticare le tappe del Giro d’Italia Ciclocross e del Master Cross.

Appuntamenti che avvicineranno i portacolori della DP66 Giant SMP all’appuntamento più importante dell’anno: i campionati italiani, organizzati proprio dal sodalizio di patron Bevilacqua a Variano di Basilano tra il 7 e il 9 gennaio.

(nella foto Viezzi, Casasola e Papo)