Dodici alloggi nel condominio dell’Ater inaugurato oggi a Gemona

Oggi l’inaugurazione a cui seguirà la successiva assegnazione dei 12 alloggi ai futuri residenti, del nuovo compendio immobiliare dell’Ater di Udine in via Paolo Borsellino a Gemona del Friuli, che potrà ospitare fino a 44 persone. Il condominio, ultimato di recente, sorge in un’area dell’azienda Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale di Udine che, in parte, ancora prima del terremoto del 1976 ospitava alcuni alloggi di edilizia residenziale, poi trasferiti altrove, e che torna dunque alla sua vecchia destinazione.

Il progetto, curato e coordinato da Ater Udine, ha condotto alla realizzazione di un immobile a L su tre piani: al piano terra trovano spazio due alloggi di cui uno accessibile a persone con disabilità, cantine e centrale termica, mentre i piani superiori – accessibili sia con ascensore sia con le scale – ospitano altri 10 alloggi. Tutto il fabbricato rispetta le norme relative all’abbattimento delle barriere architettoniche e risponde alla necessità di ottimizzare le prestazioni energetiche degli alloggi che sono classificati in classe energetica A4.

Il taglio del nastro

Venticinque i parcheggi esterni, alcuni riservati ai residenti, di cui due destinati a persone con disabilità. Sulle pareti esterne dei vani abitati, isolate a cappotto, è stato applicato un rivestimento murale al quarzo. Sul lato Ovest dietro al fabbricato, sarà possibile ricavare un’area da utilizzare per degli orti ad uso esclusivo dei singoli alloggi. I lavori – realizzati con la supervisione dei tecnici di Ater Udine – sono stati consegnati all’impresa esecutrice Edilcostruzioni srl il 28 febbraio 2019 e sono stati ultimati nei giorni scorsi.

L’importo dei lavori di contratto ammontava inizialmente a 1.427.000 euro circa, con un quadro economico complessivo da 2.200.000 euro. L’intervento ha ricevuto il finanziamento regionale per complessivi 2.015.000 euro ai sensi della legge regionale 1/2016, mentre per la parte restante Ater ha proceduto con fondi propri. “I costi sono aumentati strada facendo a causa del caro materiali – spiega il Presidente del Cda di Ater Udine Giorgio Michelutti – e dunque tutti i lavori sono costati 1.640.000 euro. Nonostante le difficoltà operative a causa del Covid abbiano comportato qualche rallentamento nel cronoprogramma, oggi mettiamo a disposizione alloggi di altissima qualità sotto ogni profilo, a cominciare da quello estetico, per finire con quello energetico”.

“Uno degli aspetti più rilevanti – ha sottolineato il Presidente Giorgio Michelutti – è la perfetta rispondenza del nuovo fabbricato alle esigenze di accessibilità, un requisito che alla nostra azienda sta particolarmente a cuore. A Gemona del Friuli, – ha concluso– dai 216 alloggi a disposizione al 31/12/2022, di cui 207 di edilizia sovvenzionata e 9 a canone concordato, con questo nuovo intervento si passa a 219 alloggi in edilizia sovvenzionata”.

“La Regione – ha aggiunto l’Assessore alle autonomie locali, funzione pubblica, sicurezza, immigrazione Pierpaolo Roberti presente alla cerimonia in rappresentanza della Giunta regionale – crede fortemente nel settore della casa non solo mettendo in campo risorse notevoli, si pensi anche alla legge di riforma delle Ater regionali e che in cinque anni nel settore della casa sono stati messi a disposizione del sistema regionale oltre 70 milioni di euro a cui vanno ad aggiungersi tutte le risorse del PNRR”
Il bando di concorso – comunale – per l’assegnazione degli alloggi di edilizia sovvenzionata è il n. 6/2019, ed è stato bandito dall’allora Ater Alto Friuli (periodo di pubblicazione 03/10/2019 – 17/12/2019). La graduatoria definitiva è stata pubblicata in data 14/07/2020. Nel corso del 2022, a seguito della presentazione di 2 domande di “anziani”, è stata aggiornata due volte. Le domande presentate complessivamente sono state 60 e di queste, 55 sono quelle valide. Ad oggi i richiedenti in attesa di assegnazione sono 34. Entro dicembre è previsto che rientrino nella disponibilità dell’Azienda dal ciclo di manutenzione, 7 alloggi che potranno soddisfare le esigenze abitative delle persone ancora in attesa di prima assegnazione nonché degli inquilini che hanno partecipato al bando “cambi”.

All’evento d’inaugurazione, che si è tenuto oggi, è intervenuto l’intero Consiglio di amministrazione dell’Ater Udine, presieduto dal Presidente Giorgio Michelutti ed il direttore dell’Ater, Lorenzo Puzzi, oltre al Sindaco di Gemona del Friuli, Roberto Revelant, accompagnato dai Sindaco di Moggio Udinese Giorgio Filaferro e in rappresentanza della Giunta regionale, l’Assessore alle autonomie locali, funzione pubblica, sicurezza, immigrazione Pierpaolo Roberti, il Presidente e il Vice Presidente del Consiglio regionale rispettivamente Pietro Mauro Zanin e Stefano Mazzolini. Dopo la benedizione del fabbricato da parte del Parroco di Gemona, Mons. Valentino Costante, il programma ha visto la consegna delle chiavi ai nuovi inquilini Ater, il taglio del nastro e la visita all’immobile.