Dignano, guardia venatoria austriaca derubata della pistola

Va a fare una gita sul fiume Tagliamento a Dignano e posteggia la sua auto, una Volkswagen, vicino al greto del corso d’acqua. Si allontana dal mezzo per fare una passeggiata e lascia nell’abitacolo, incustodita, anche una pistola calibro 22, con tanto di caricatore.

L’arma, che detiene legalmente perché è una guardia venatoria che presta servizio in Austria, è dentro a un borsello insieme ad altri oggetti personali e a denaro in contanti. Appena si allontana dalla vettura per fare un giretto ecco che i ladri prendono di mira l’automobile: spaccano uno dei finestrino anteriori, arraffano il borsello e si dileguano.

La guardia venatoria, un uomo di 60 anni, di nazionalità austriaca, rientra dalla passeggiata e fa la brutta sorpresa. Va dai carabinieri a denunciare il furto ma finisce con l’essere denunciato lui stesso perché se è vero che in Austria può circolare con la pistola, in Italia non può farlo, e non può lasciarla incustodita in ogni caso. È successo nella mattinata di ieri, domenica 9 aprile e a denunciare l’austriaco per omessa custodia di armi sono i militari dell’Arma delle stazioni di Maiano e di San Daniele del Friuli. Per il 60enne il danno del furto, oltre al valore della pistola, è di circa 1000 euro.

Commenta con Facebook