Dall’Olanda a Stolvizza di Resia: 1500 km in bici per raggiungere il paese natale

Una grande scommessa quella messa in campo da Luciano Negro, originario di Stolvizza di Resia che, con grande coraggio ma anche con una non trascurabile capacità atletica, si è messo in strada lunedì 27 maggio in sella ad una bicicletta, e pedalata dopo pedalata, sta ultimando i 1.500 km, la distanza che separa Hilversum, città dove abita attualmente, da Stolvizza, faticando non poco attraverso 10 complicate tappe di circa 150 km l’una senza un giorno di riposo, attraverso l’Olanda, la Germania, l’Austria e alla fine l’Italia.

Luciano Negro aveva lasciato giovanissimo il suo piccolo paese natio per l’Olanda. Impiegato nella compagnia area KLM, ha costruito la sua vita insieme alla moglie Liesbeth nel paese dei tulipani, ma non ha mai dimenticato la sua piccola Stolvizza dove, da sempre, rientra non appena possibile.

Attraverso questa iniziativa sportiva, Luciano, che festeggia questo anno sessanta anni, intende sottolineare il suo profondo attaccamento all’Italia e al suo paese. Questa cavalcata era già stata portata a termine con successo dieci anni fa quando Negro aveva cinquanta anni, ma è anche sua intenzione, dopo questa nuova impresa, ripetere il progetto nel 2029, quando ne compirà 70; un impegno molto severo che Luciano vuole rinnovare ciclicamente per far sentire ancora più forte il legame con la sua amata terra resiana.

Intanto a Stolvizza, anche grazie all’impegno dell’Associazione “ViviStolvizza”, ci si prepara per accogliere come si deve l’arrivo di Luciano; tutti si stanno mobilitando per dare un gioioso benvenuto al coraggioso ciclista che nell’ultima impegnativa tappa partirà da San Candido e passando per il Passo di Monte Croce Carnico, raggiungerà Stolvizza.

Appuntamento quindi mercoledì 5 giugno alle ore 17.

(nella foto Luciano Negro a Hilversun insieme alla moglie prima della partenza)