Da Gemona la richiesta: il tesoro dei lacunari di Pomponio Amalteo riveda la luce

“La Regione ha raccolto l’appello dell’arciprete di Gemona affinché il tesoro dei lacunari di Pomponio Amalteo riveda la luce: stiamo lavorando già affinché alla prossima Epifania questo patrimonio di storia e bellezza ritorni nella piena disponibilità e fruizione della comunità gemonese, regionale e non solo nella rinnovata sede di Palazzo Scarpa”.
Lo ha reso noto l’assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli a margine della cerimonia della Messa del Tallero, tradizione dell’Epifania del Friuli Venezia Giulia che si rinnova ogni anno con il rito di scambio di promessa di alleanza tra potere religioso, rappresentato dall’arciprete del Duomo di Santa Maria Assunta, mons. Valentino Costante, e quello temporale che viene testimoniato dal sindaco della cittadina pedemontana Roberto Revelant.

L’arrivo dell’arciprete mons. Valentino Costante

In occasione del prossimo 50mo del terremoto, che vide proprio l’epicentro a Gemona, mons. Costante ha rivolto alle istituzioni nel corso dell’omelia della cerimonia solenne un auspicio semplice e diretto: il recupero del tesoro prezioso rappresentato dai trentasei cassettoni cinquecenteschi dipinti dal maestro allievo del Pordenone e il loro collocamento in una sede idonea alla loro piena fruizione.
“La Regione – ha ricordato Zilli – ha già investito oltre un milione di euro per il recupero di Palazzo Scarpa e assieme alle risorse donate dalla famiglia Fantoni il progetto per renderlo sede dell’Università si sta avviando: di concerto con l’Amministrazione comunale e la Soprintendenza il compendio del palazzo è stato individuato come la migliore sede per allocare il meraviglioso tesoro rappresentato dai lacunari”.
Particolarmente partecipata la cerimonia solenne che è stata celebrata al termine del corteo con centinaia di figuranti in abito medievale partiti da palazzo Elti con in testa i rappresentanti delle istituzioni e il piccolo paggio – quest’anno una bambina – che ha recato la moneta simbolo dello scambio di alleanza.
“Da Gemona – ha commentato l’assessore a margine della cerimonia – parte un messaggio di gioia e fiducia verso per il nuovo anno 2023: la fiducia si suggella in questa alleanza e collaborazione tra le varie anime della comunità che viene celebrata in questo rito dalla tradizione antica. Fondamentale per noi amministratori è cogliere gli insegnamenti e riscoprire le radici comuni perché sono linfa per tutte attività e iniziative che vogliamo programmare in questa nuova annualità per tutta la regione”.

Zilli con il sindaco Revelant e i figuranti del corteo con il Tallero d’oro

Al termine della cerimonia in Duomo fuori nel sagrato erano presenti rappresentanti dei comitati per la salvaguardia dell’ospedale di Gemona con picchetti e striscioni.
“Sta nel ruolo dei comitati – ha commentato in proposito Zilli – raccogliere le istanze dei cittadini per proposte a situazioni di criticità e per questo impegno a segnalarle vanno ringraziati: mi auguro però non si voglia strumentalizzare una situazione perché gli impegni assunti dall’Amministrazione regionale sono contenuti in una legge approvata dal Consiglio regionale in questa legislatura e seguiti da finanziamenti importanti. Si tratta di risorse che garantiscono il potenziamento del nosocomio gemonese annunciato dal presidente Fedriga fin dall’inizio della legislatura e che è stato rallentato solo a causa della pandemia: il Punto di primo intervento riaprirà, come reso noto dal vicegovernatore Riccardi, nelle prossime settimane – ha ribadito l’assessore – e proseguiranno tutti gli investimenti che abbiamo previsto per il polo di riabilitazione cardiochirurgica con il Gervasutta. Sullo sfondo, inoltre, è evidente a tutti che il problema della carenza di personale, emerso nella sua urgenza durante la pandemia in tutta la regione, deve trovare soluzione a livello nazionale”.