Coronavirus, secondo caso positivo a Moggio Udinese

Il sindaco di Moggio Udinese Giorgio Filaferro ha annunciato questa sera un secondo caso di coronavirus nel suo comune.
Proponiamo la comunicazione ai concittadini.

.

Ad oltre tre settimane dal primo caso si comunica che a Moggio è stato accertato un secondo caso.

La persona interessata sta bene ed è attualmente in quarantena presso il proprio domicilio.
Appena sentiti i sintomi ha provveduto a contattare il medico di base mettendosi in quarantena, dimostrando come nel primo caso, un atteggiamento responsabile. Auguriamo alla persona in questione una pronta guarigione.

Anche nel caso specifico il Dipartimento di Prevenzione sta procedendo come da prassi, analizzando i contatti ricevuti.

Tutti speravamo, in considerazione della stretta effettuata dal 10 marzo scorso, di non sentire di ulteriori casi.
Purtroppo tale circostanza non si è verificata.

QUESTO SERVE DA ULTERIORE MONITO AL FINE DI CONTINUARE A TENERE MOLTO ALTO IL LIVELLO DI GUARDIA.

SI RICORDA CHE L’ULTIMO DECRETO EMANATO IERI PREVEDE LA PROSECUZIONE DELLE RESTRIZIONI FINO AL 13 APRILE, pertanto è vietato uscire da casa se non per comprovati e autocertificati motivi di lavoro, salute, necessità o urgenza. Ma queste prescrizioni sono note a tutti.

NELLA NOSTRA REGIONE È PREVISTA UN ULTERIORE PRESCRIZIONE INERENTE LE PASSEGGIATE. ANCHE QUESTE SONO E RIMANGONO VIETATE.

LE FORZE DELL’ORDINE STANNO OTTEMPERANDO NEL RISPETTO DELLE PRESCRIZIONI E CONTINUERANNO A FARLO.

Conosciamo molto bene anche le regole comportamentali nelle occasioni in cui si intrattengono comunque rapporti interpersonali come per esempio quando ci si reca al lavoro o quando si va a fare la spesa.

Massima attenzione alla distanza di sicurezza e al lavaggio scrupoloso delle mani, ogni volta che si toccano oggetti che possono essere stati toccati da altri.

Ancora prima della scoperta del secondo caso di coronavirus era prevista la convocazione del Centro Operativo Comunale, organo deputato a gestire l’emergenza, che si terrà sabato prossimo.

In tale occasione provvederemo:

– ad analizzare lo stato di fatto inerente l’emergenza con le analisi e approfondimenti delle procedure fin qui attuate
– alla valutazione delle modalità di distribuzione delle poche mascherine pervenute dalla Protezione Civile Regionale
– all’organizzazione inerente la distribuzione dei fondi statali pervenuti con buoni spesa per le persone più in difficoltà
– a esplicare eventuali modalità di accesso a contributi comunali a favore delle attività rimaste chiuse durante questo periodo

In tutto questo va senz’altro data una notizia positiva: il primo malato di covid-19 registrato nel nostro paese risulta essere guarito completamente.

Cordiali saluti a tutti.

GIORGIO FILAFERRO
Il Sindaco

Commenta con Facebook