Coronavirus, l’assessore Fvg Riccardi: «Fondamentale il ruolo della Protezione Civile»

“Da quando è scattata l’emergenza Coronavirus ad oggi la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia ha messo in campo tutte le forze a propria disposizione. Uno sforzo che si è tradotto in attività per 10mila ore uomo e l’avvio di un ampio ventaglio di attività da parte degli uomini e donne delle squadre comunali, tra cui l’assistenza alla popolazione, in particolare anziani e soggetti in quarantena, che ha visto impegnati oltre 5.384 volontari; il montaggio delle tende pre-triage in 16 ospedali per evitare la diffusione del virus nei Pronto soccorso, ma anche il trasporto e la consegna di materiali, tra cui i tamponi effettuati, e l’attivazione dei piani comunali di emergenza oltre alla diffusione dei messaggi audio informativi alla popolazione che richiesto l’impegno di 3.179 volontari”.

Lo ha evidenziato il vicegovernatore della Regione, Riccardo Riccardi, sottolineando come “ancora una volta in una situazione di emergenza questi uomini e donne hanno dimostrato dedizione e altruismo mettendosi al servizio di tutta la comunità del Friuli Venezia Giulia”.

Riccardi ha quindi rimarcato che “a queste attività si somma il lavoro svolto per la stesura e la pubblicazione, avvenuta in soli due giorni, del bando per l’individuazione delle aziende fornitrici delle mascherine in deroga alla marchiatura CE, che ha permesso di avviare immediatamente la produzione di 20mila pezzi al giorno e di portare a tempo di record la produzione a 26mila al giorno”.

“Non deve inoltre essere trascurata l’azione della Protezione civile volta al reperimento delle forniture per il sistema sanitario e sociale, le strutture residenziali e i cittadini, svolta in coordinamento con Arcs – ha commentato -. In questa fase critica viene svolta un’attività parallela a quella attuata dal Governo tramite la struttura commissariale, che ha ci ha permesso, con le nostre sole forze, di portare a un centinaio i posti in terapia intensiva”.

Il vicegovernatore ha infine sottolineato che “viene svolto un ampio lavoro di supporto alla cittadinanza anche attraverso la Sala operativa di Palmanova, che tramite il numero verde 800 500 300, ha riposto a oltre 55mila chiamate, alle quali si aggiungono le oltre 80mila giunte al Numero unico emergenze (Nue). Un’opera fondamentale per dare informazioni corrette ai cittadini sui comportamenti da tenere durante l’emergenza”

Commenta con Facebook