Conto alla rovescia a Tolmezzo per Innovalp, il festival delle idee per la montagna

I temi dell’edizione 2018 di Innovalp, festival delle idee per la montagna, che si svolgerà a Tolmezzo dal 21 al 24 marzo saranno occasioni di confronto, dibattito e condivisione di idee sulle politiche per lo sviluppo della montagna, un contro canto alla diffusa cultura del piagnisteo, dello spopolamento e della crisi.
Prevista un’anteprima, venerdì 16 marzo, dedicata alle “Alpi ribelli” alla quale parteciperanno lo scrittore Enrico Camanni e Andrea Zannini, docente di storia moderna all’uNiversità di Udine, moderati dal giornalista Paolo Medeossi. Appuntamento nella sede del Carnia Industrial Park (nella foto), alle 17.30.
Il festival, alla seconda edizione, è ideato e promosso dalla Cooperativa Cramars, in collaborazione con Carnia Industrial Park e con il sostegno di Legacoop, Assicoop, CRU, Città di Tolmezzo, CAFC, FUC, IDEO e Progetto Sentinel.
Ecco come gli organizzatori presentano l’evento.

La montagna è un luogo che ti può dare: fermenti, creatività, occasioni, potenzialità. Luogo di ispirazione e incubatore nel quale allevare talenti innovativi per la società di domani. 

Innovalp è il festival che rivoluziona il paradigma narrativo al quale ci siamo abituati quando si parla di montagna: da luogo della difficoltà a luogo dell’accoglienza capace di dare opportunità. Innovalp pensa alla montagna, e a quella del Friuli Venezia Giulia in particolare, come luogo emblematico di una centralità geografica che si trasforma in centralità strategica per l’intera regione. 
La filosofia di Innovalp mette le “terre alte” al centro di un progetto di valorizzazione delle potenzialità presenti e di attrazione di nuove risorse, per innescare processi valoriali e identitari capaci di consolidare il tessuto sociale e culturale delle comunità, diffondendo fiducia e motivazione in una visione di futuro positivo e possibile.   
Anche la modalità di Innovalp si distingue: tante singole possibilità di incontro nel territorio, trasformando ogni appuntamento in un vero e proprio “hackaton analogico” dal quale far scaturire risposte realizzabili ai quesiti posti dal tema. Una formula di grande partecipazione attiva che trasforma la fruizione del contributo di un esperto in un momento di condivisione, generativo e motivante. 
Gli incontri di Innovalp 2018, come nella prima fortunata edizione, popoleranno le vie, i borghi, i luoghi di frequentazione pubblica per fondersi con il territorio animandolo dall’interno con le migliori spinte innovative. Gli eventi di confronto saranno circa una trentina con un’anteprima il 16 marzo dedicata alle “Alpi ribelli” alla quale parteciperanno lo scrittore Enrico Camanni, Andrea Zannini, docente di storia moderna all’università di Udine moderati dal giornalista Paolo Medeossi, nella Sala Cedolini, Carnia Industrial Park, alle 17.30.
Gli altri incontri, in cui è richiesta la prenotazione online per motivi organizzativi, si terranno dal 22 al 24 marzo e avranno quattro aree di approfondimento e confronto:
1. cittadinanza attiva e partecipazione – la montagna come antidoto naturale ai fenomeni di disgregazione della comunità umana tipici delle aree metropolitane. La sua identità come occasione di crescita di una nuova consapevolezza del valore della partecipazione e del fare comunità, soprattutto in un contesto di cambiamenti climatici e demografici;
2. impresa, imprese, intraprendenza – i modelli imprenditoriali di successo radicatisi in montagna come esempio replicabile e condivisibile di un fenomeno sociologico che può diventare modello di riferimento imprenditoriale;
3. territorio, comunità, smart land, popolazione, uso delle reti – le reti materiali e immateriali come piattaforma e strumento per rendere possibile e sintonizzare la vita comunitaria, nella quale, tecnologia e nuovo pensiero, rendono possibile armonizzare lavoro, vita personale e sociale, connettendoli con il mondo intero. 
La quarta area di approfondimento, attraverso la quale fare sintesi delle precedenti costituisce l’elemento unificante e il tema principale di Innovalp 2018: 
4. Talenti, disubbidienze, ribellioni – «talenti che si parlano» … «talenti che dialogano», «talenti curiosi, aperti» in grado di generare innovazione quale “disubbidienza andata a buon fine” per contribuire da attori protagonisti al cambiamento di «senso comune».
La sintesi dei contributi dei numerosi relatori, moderatori, partecipanti sarà dedicata a tutte le persone che abitano, studiano, lavorano frequentano e hanno a cuore la montagna, e assumerà la veste formale di Manifesto di Innovalp 2018: una raccolta analitica e sistematica di proposte concrete per la Carnia (e la montagna) di domani, ispirate da un valore di fondo: “per ciò che ci unisce e non per ciò che ci divide”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *