Calcio, il Friuli V.G. in finale al Torneo delle Regioni

JUNIORES FRIULI VENEZIA GIULIA –  JUNIORES ABRUZZO 3 – 0

Trionfo Friuli Venezia Giulia. La “Juniores” di Bortolussi centra una finale che mancava dal 2003 e sabato, a L’Aquila, affronterà le Marche vincenti ai rigori sull’Emilia Romagna. Tutto troppo facile per la selezione regionale, con il risultato, di fatto, mai in bilico. Unico neo, di un pomeriggio perfetto, l’infortunio patito da Lorenzo Vittore costretto al trasporto in ospedale per la sospetta frattura della clavicola.

IL TABELLINO

FRIULI VENEZIA GIULIA

Spollero, Caramelli (9’ st Vittore e 12’ st Pertoldi), Cargnello, Carlevaris (30’ st Fiorenzo), Cossovel, Cottiga, Lascala, Lucheo (35’ st Del Piero), Martin (18’ st Nicoloso), Meret, De Ceccco. A disposizione: Mirolo, Battiston, Di Lazzaro, Magnino, Pertoldi. All. Bortolussi.

ABRUZZO

Giangiacomo, Balducci, Barbetta (39’ st Picone), Curri (18’ st Antonelli), Dema, Di Norcia (30’ st Di Felice), D’Intino, Foglia (18’ st Santirocco), Maccione, Marcedula, Palombaro (28’ st Capitoli). A disposizione: Cavallo, Di Pasquale, Lattanzi, Maselli. All. Dragone.

Arbitro D’Agnillo di Vasto.

Marcatori Al 22’ D’Intino (autorete); nella ripresa, al 5’ Lucheo (rigore), al 14’ Lucheo

Note Angoli: 3 a 1 per il Friuli Venezia Giulia. Recuperi: 0’ e  5’. Ammoniti: Curri e Santirocco.

LA CRONACA

PRIMO TEMPO

11’ Martin raccoglie errato disimpegno difensivo dell’Abruzzo e da dentro l’area di rigore calcia a colpo sicuro trovando la respinta di Giangiacomo.

22’ D’Intino, nel tentativo di anticipare Carlevaris, insacca nella sua porta. (1 – 0)

33’ Palombaro ha l’occasione di calciare in porta trovandosi tra i piedi una corta respinta della difesa del Friuli Venezia Giulia, ma spara alto con il sinistro.

38’ Calcio di punizione, dal limite dell’area di rigore, di Carlevaris con palla alta,

42’ Punizione di Lascala, respinta con i pugni di Giangiacomo sulla testa di Meret che mette a lato di testa.

SECONDO TEMPO

5’ Lucheo entra in area di rigore e viene atterrato da Balducci: dal dischetto lo stesso Lucheo realizza. (2 – 0)

14’ Lancio di Carlevaris per Martin con l’uscita di Giangiacomo che respinge sui piedi di Lucheo il quale non si fa pregare e da 30 metri, a porta ormai sguarnita, insacca. (3 – 0)

19’ Corner dalla sinistra di Cottiga, sponda di Pertoldi e Cossovel che manda alto, di testa, da due passi.

37’ Fiorenzo involato da Nicoloso incespica sul pallone e l’azione sfuma. 

IL COMMENTO DEL MISTER

Tutto troppo facile. Non conosce ostacoli la “Juniores” di Roberto Bortolussi che, a fine gara, analizza la vittoria dei suoi valsa l’accesso alla finale di sabato. «Bravi tutti. Eravamo stanchi, ma i ragazzi hanno dato tutto. Sono veramente contento per questo gruppo importante che anche oggi mi ha dimostrato di essere tale. Voglio guardare alla mia squadra e so che ha dato quanto poteva. Tutto quello che abbiamo fatto, dal giro palla alle ripartenze, sono cose provate in allenamento per cui quando riescono danno ancora più soddisfazione». In finale con le Marche già battute all’esordio. C’è il pericolo qualcuno possa pensare di avere già vinto? «Assolutamente no. Era la squadra che meno volevo incontrare e per questo dovremo stare molto attenti. Le Marche sono una squadra che ci darà filo da torcere, la più quadrata di quelle affrontate sin qui». Doppietta che gli permette di far salire a tre reti il proprio bottino nella manifestazione per Ciro Lucheo, autore della doppietta che ha chiuso la gara. «Una grande emozione, da condividere con questo splendido gruppo. Quando ho visto il portiere fuori ho subito pensato avrei fatto gol e così è stato. Dedico questa doppietta a questo gruppo, ce lo meritiamo. Siamo pronti per sabato, arrivati a questo punto non ci accontentiamo». Diciannovesimo compleanno per Mattia De Cecco, in campo 90’ e festeggiato, in serata, dai compagni. «I miei compagni mi hanno fatto il miglior regalo possibile. Vittoria di squadra contro una formazione che giocava in casa e con il pubblico a favore. Siamo stati bravi ad alzare il livello e ancora di più a portare a casa quello che contava, ovvero l’accesso alla finale». Te l’aspettavi così facile? «Siamo stati bravi noi a renderla così facile, perché all’inizio non era così scontata. Abbiamo aperto il secondo tempo con una doppietta che li ha tramortiti e da quel momento tutto è stato più facile. Siamo stati bravi e quindi ci prendiamo tutti i meriti».

Commenta con Facebook