Boschetti (Lega): «Dalla legge di stabilità 10,5 milioni per la montagna»

“Imprese, famiglie e Comuni sono al centro di una manovra di bilancio che punta su sviluppo e investimenti”.

Il consigliere regionale della Lega Luca Boschetti commenta così la legge di stabilità regionale 2019, approvata dall’Aula la scorsa settimana, e aggiunge: “Sono stati giorni intensi e importanti per il futuro della Regione: con tanto impegno della Giunta e del Consiglio, in particolare del gruppo della Lega, si stanno definendo quelle che sono le linee poste al centro della manovra”.

“L’abbattimento dell’Irap per le imprese e per i liberi professionisti della montagna costituisce un primo passo verso lo sviluppo delle aree montane e il rilancio delle attività produttive e dei servizi. La scelta di accesso allo strumento di mutuo per un totale di 319 milioni – precisa Boschetti – permetterà di pensare a investimenti necessari in settori chiave quali sanità, infrastruttura e sicurezza, ma anche per ambiente ed enti locali”.

“Per i Comuni, sono destinati 70 milioni per interventi sul territorio. Poste di bilancio sono state destinate per l’acquisto di arredi e attrezzature scolastiche riservate alle scuole comunali dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado, nei Comuni con meno di 10.000 abitanti. E si sono concessi alle municipalità contributi straordinari diretti a favorire l’eliminazione delle barriere architettoniche nelle scuole comunali dell’infanzia, primarie e secondarie di primo grado – continua l’esponente di maggioranza – dove sono iscritti studenti con limitazioni funzionali permanenti, compresa la cecità, o relative alla deambulazione e alla mobilità. 900mila euro sono i contributi destinati ad associazioni di volontariato per l’acquisto dei mezzi di trasporto per i disabili, e sono stati incrementati i fondi per le scuole dell’infanzia paritarie da 2 milioni a 2 milioni e 800mila euro”.

Il consigliere della Lega ringrazia tutta la Giunta regionale per il lavoro svolto, in particolare l’assessore Roberti per la concertazione fatta con tutti gli enti locali e i presidenti delle Unioni territoriali intercomunali (Uti): “Sono state ascoltate tutte le Uti, ma anche tutti i sindaci che non avevano aderito alle Unioni, a dimostrazione che l’ascolto, per la Lega, rappresenta uno strumento importante e fondamentale per pianificare e decidere il meglio per il nostro territorio, diversamente da quanto accaduto nella passata legislatura, quando erano stati esclusi i sindaci cosiddetti ribelli”.

Infine per la montagna, Boschetti fa presente che importanti investimenti sono stati stanziati per avviare cantieri ad Ampezzo (500mila euro), Cercivento (600mila), Forni di Sotto (1,2 milioni), Gemona del Friuli (2,23 milioni), Paularo (600mila), Zuglio (392mila), Moggio (450mila), Resia (685mila), Chiusaforte (620mila), Tarvisio (880mila). Ma si è pensato anche a Forni Avoltri (Centro Biathlon 950mila euro, per la sistemazione dei sentieri rifugi bivacchi per il Cai 50mila euro), a Prato Carnico (recupero del palazzo destinato a sede dell’orologeria 600mila euro; acquisto di sistemi di monitoraggio per il territorio carnico 350mila euro) e a interventi per il recupero e restauro di siti culturali a Malborghetto (25mila), Dogna (100mila), Pontebba (160mila) e Resiutta (100mila). L’importo complessivo è di 10.492.000 euro.

Commenta con Facebook