Birra rumena “abusiva”, sequestrati 576 litri a Trieste

Nell’ambito di un servizio di controllo economico del territorio, disposto e coordinato dal Comando Provinciale di Trieste, il Nucleo Mobile della Compagnia di Prosecco, a ridosso del confine con la Slovenia, ha sottoposto a controllo un autocarro di immatricolazione moldava diretto in Italia.

L’ispezione dettagliata del veicolo e dei bagagli ha permesso di rinvenire 576 litri di birra di origine rumena sprovvista della documentazione di trasporto caratterizzante i prodotti soggetti ad accisa. Il conducente alla guida del veicolo è stato segnalato all’Autorità doganale di Trieste per la violazione al Testo Unico sulle Accise; contestualmente gli è stata comminata la sanzione amministrativa (da 516 a 3.098 euro) con il sequestro amministrativo del prodotto introdotto nel territorio nazionale in evasione totale d’accisa, l’imposta che grava sui prodotti alcolici.

La prosecuzione del controllo, esteso al resto del carico trasportato, ha consentito di rilevare ulteriore merce trasportata senza il previsto documento di trasporto; in questo caso il conducente ha provveduto all’oblazione mediante il pagamento immediato di 2.000 euro.

Commenta con Facebook