Artegna, scatta il corso di formazione sul recupero dei muri in pietra

Per l’ottavo anno consecutivo, l’Ecomuseo delle Acque e il Comune di Artegna organizzano un corso di formazione sul recupero dei muri in pietra a secco, costruiti senza legante. Il cantiere scuola si svolgerà dal 29 agosto al 9 settembre nella frazione di Aplia Inferiore, puntando a riproporre un mestiere del passato per creare nuove opportunità di lavoro, tutelare il paesaggio e dimostrare che una gestione sostenibile del territorio è possibile.

L’iniziativa è rivolta a tutti: muratori, agricoltori, dipendenti pubblici, liberi professionisti ma anche semplici cittadini. Non sono previsti prerequisiti per l’accesso al cantiere, che verrà condotto dall’artigiano della pietra Tommaso Saggiorato di ITLA Italia.

Il paesaggio murato e terrazzato è un carattere distintivo del territorio del Gemonese, anche se a rischio di scomparsa per la mancanza di manutenzione e il conseguente abbandono delle opere. Questo comporta la perdita dei valori culturali, ambientali, identitari propri di un patrimonio diffuso riconosciuto dall’Unesco con l’iscrizione dell’arte dei muri a secco nella lista dei beni immateriali dichiarati Patrimonio dell’Umanità. Compito dell’Ecomuseo è creare consapevolezza su questo patrimonio storico che deve essere tutelato, conservato e recuperato, anche attraverso un lavoro di ricognizione e schedatura avviato da tempo sul territorio.

Per partecipare al corso è sufficiente disporre di un abbigliamento idoneo: scarpe da lavoro, guanti di cuoio, occhiali protettivi. Per informazioni e iscrizioni: 338 7187227, info@ecomuseodelleacque.it.