Alla caserma “Feruglio” di Venzone il terzo raduno del Battaglione Tolmezzo

“E’ grande il debito di riconoscenza che tutti noi abbiamo nei confronti degli Alpini. Lo esprimiamo qui oggi per questa vostra iniziativa che ricorda tre eroiche figure della nostra storia, ma lo abbiamo anche per il vostro fondamentale intervento nelle emergenze e nei momenti più difficili. Come fu nel terremoto del ’76 ma come è stato anche nei momenti più duri della pandemia. Un contributo fondamentale che si basa sui vostri valori di impegno e solidarietà verso le comunità. Valori che noi abbiamo il dovere di tramandare ai nostri ragazzi”. Parole espresse dall’assessore regionale alle Finanze Barbara Zilli che ieri ha partecipato alla cerimonia per le celebrazioni del Terzo raduno del Battaglione Tolmezzo nella caserma “Mario Feruglio” di Venzone. Dopo due anni di forzato rinvio causa Covid, la sezione Ana di Gemona, unitamente all’8. Reggimento Alpini e al Comune di Venzone, ha organizzato il terzo raduno del “Tolmezzo”, battaglione pedina operativa dell’8. Alpini di Venzone.
“Ci stiamo ormai da mesi preparando – ha aggiunto l’assessore a margine della cerimonia – ad accogliere nella prossima primavera l’Adunata nazionale. Un’occasione per testimoniare ancora una volta quanto la nostra terra sia grata agli Alpini e quanto riconosca tutto ciò che questo glorioso corpo ha fatto e sta facendo per questa terra. Udine sarà una casa accogliente per gli Alpini, come lo è Venzone oggi, perché l’arrivo di migliaia di penne nere è un vanto per le nostre città, che escono arricchite dalle adunate e dai raduni, e non parlo di un arricchimento economico. Perché gli Alpini lasciano le città e i paesi dove vanno più belli di come li hanno trovati, dal punto di vista pratico di ordine e pulizia e dal punto di vista emozionale”.
Il momento particolarmente significativo e di grande valore storico-rievocativo è stato il ricordo di tre figure eroiche insignite della Medaglia d’oro a valor militare alle quali sono state dedicata altrettante palazzine all’interno della caserma. Sono state apposte le targhe lapidee e un pannello storico-commemorativo, donati dalla Sezione Ana di Gemona, per ricordare le tre figure storiche esemplari. Maria Plozner Mentil fu una portatrice carnica caduta nel 1916 a Casera Malpasso settore Alto But, mentre portava a spalla rifornimenti alle linee del “Tolmezzo”. Alla sua memoria fu dedicata nel 1955 la Caserma di Paluzza, l’unica intitolata a una donna, caserma ora dismessa.
Umberto Tinivella, ufficiale dell’8. Alpini combattente nella Grande guerra, nella campagna d’Africa e nella Seconda guerra mondiale. Caduto a Mali Topojanit (fronte greco) l’8 gennaio del 1941. A lui fu dedicata la caserma di Moggio Udinese, già sede di reparti della “Julia” e della 12^ compagnia del “Tolmezzo” durante il terremoto del 1976.
Renato Del Din fu invece un ufficiale dell’8 Alpini battaglione “Gemona”, promotore della lotta partigiana in Carnia e tra i fondatori delle Brigate partigiane “Osoppo-Friuli”. Caduto a Tolmezzo nel 1944. A lui fu intitolata la caserma di Tolmezzo ora dismessa, già sede dell’8° alpini fino al 1975 e in seguito di altri reparti della “Julia”