A Tolmezzo un incontro dedicato a Leonardo Da Vinci e Michele Gortani

Il Museo Carnico delle Arti popolari “Michele Gortani” di Tolmezzo, sempre particolarmente attivo e partecipe ai numerosi progetti promossi dalle istituzione presenti sul territorio, è partner della mostra “Il Friuli al tempo di Leonardo”, allestita nell’edificio delle ex carceri del Castello di Gemona.

La mostra, visitabile sino al 22 marzo, costituisce uno fra gli eventi promossi dal Comune di Gemona del Friuli, nell’ambito del progetto “Frammenti di Genio: Costruire e Reagire da Leonardo al Rinascimento in Friuli’, realizzato con il supporto della Regione Friuli Venezia Giulia, delle Università di Chigaco, Udine e Trieste.

Nell’ambito delle manifestazioni previste a corollario, il Museo Carnico propone una serie di appuntamenti legati al tema di Leonardo e del Rinascimento in Friuli.

Il primo, dal titolo “Leonardo… Geologo e cartografo 500 anni dopo senza dimenticare Michele Gortani”, è fissato per sabato 18 gennaio alle 18 al Centro Servizi Museali (adiacente il Museo). Il prof. Gian Battista Vai, dell’Università di Bologna, porterà i presenti alla scoperta delle teorie geologiche individuate dal genio toscano, naturalmente senza dimenticare Michele Gortani, geologo conosciuto a livello nazionale ed internazionale, autore nel 1952, del testo “Leonardo da Vinci e la geologia”.
La serata sarà introdotta e moderata da Daniele Macuglia dell’Univesità di Chicago,  responsabile scientifico del progetto di Gemona.

Seguirà sabato 15 febbraio il secondo appuntamento, dal titolo “La Carnia alla fine del XV secolo”; nell’occasione Gilberto Dell’Oste parlerà di vari aspetti sociali, politici, e culturali della nostra zona.

Infine, il Museo Carnico, avvalendosi della preziosa collaborazione di Daniele Macuglia, intende organizzare una serie di incontri presso alcune scuole del territorio carnico, finalizzati alla conoscenza di Leonardo da Vinci, alla promozione della collezione museale, conservata nel seicentesco Palazzo Campeis e soprattutto alla condivisione dell’esperienza di un nostro concittadino in America.  

Commenta con Facebook