A novembre quasi 6000 persone controllate e 38 indagate dalla Polfer FVG

Un totale di 38 indagati, 5.862 persone controllate, 588 veicoli ispezionati e 324 treni presenziati: è il bilancio dei controlli effettuati dalla Polizia ferroviaria su tutto il territorio del Friuli Venezia Giulia, con oltre 800 pattuglie nelle stazioni, a bordo treno e lungo le linee ferroviarie, nel mese di novembre.

Tra le varie operazioni, a Trieste, la Polfer ha denunciato due cittadini spagnoli per rifiuto di fornire le proprie generalità.

I due erano a bordo di un convoglio, privi di titolo di viaggio. A Udine, gli agenti hanno denunciato per danneggiamento aggravato un cittadino comunitario, che aveva preso a calci e pugni una porta della stazione. Nei confronti dello stesso è stato emesso un provvedimento in materia di Daspo urbano, l’allontanamento dalla stazione.
La Polfer di Monfalcone) ha denunciato un cittadino senegalese, irregolare, per rifiuto di fornire le proprie generalità e per resistenza a Pubblico Ufficiale.

La Polizia Ferroviaria di Tarvisio, che continua a monitorare i convogli che transitano attraverso il confine nazionale, in collaborazione con la Polizia di Frontiera e le Forze dell’ordine austriache, ha rintracciato una quattordicenne che si era allontanata dalla comunità per minori di Palermo cui era stata affidata. La ragazzina, cittadina eritrea, è stata reinserita in una struttura della provincia di Udine.