Drammatica carenza di personale tra i Vigili del Fuoco FVG

E’ stato di agitazione per la Fns Cisl del Friuli Venezia Giulia, la categoria del comparto sicurezza, ormai da giorni in contatto con il Prefetto di Trieste Annapaola Porzio, sulla questione della carenza di personale tra i Vigili del Fuoco.
Una carenza drammatica, con oltre 150 operatori che mancano all’appello, considerando complessivamente le quattro province della regione, e che è destinata ad aggravarsi ulteriormente se si sommano i pensionamenti già programmati entro l’anno. “La situazione è assolutamente criticacommentano il segretario della Fns, Delfio Martin, e per la Cisl Fvg, Luciano Bordin – tanto che siamo stati costretti a rivolgerci direttamente alla rappresentante del Governo in Friuli Venezia Giulia, che sappiamo già essersi messa in contatto con le strutture di Roma”.

E proprio per domani è attesa una risposta sulla questione da parte del Dirigente Generale Guido Parise. “Auspichiamo un intervento deciso del Governo perché la situazione è davvero insostenibile, tanto più se consideriamo anche che l’estate è ormai alle porte e che alcuni nodi critici come, ad esempio, i presidi di Lignano e Grado, mete turistiche di grande affluenza durante la stagione calda, non sono ancora stati risolti”.
Tuttavia, a scontare la carenza di personale, sia amministrativo, ma soprattutto operativo, non sono solo i centri turistici. Il gap tra dotazione organica prevista e reale si conta in tutti i comandi della regione, con particolare gravità a Udine e Pordenone. Nel capoluogo friulano, ad esempio, mancano 44 unità, che arriveranno a 50 entro fine anno in ragione dei pensionamenti certi. Si tratta per lo più di ispettori (-10), capi reparto (-12), capi squadra e vigili (-9 ciascuno). Situazione simile a Pordenone, che sconta, oltre alla mancanza dei numeri (siamo a -37 figure, che saliranno a 45 con le quiescenze), anche una precisa definizione progettuale della caserma e, così, per Sacile. Quanto all’organico, la voce più pesante riguarda proprio i vigili (addirittura -21). Numeri diversi per i territori di Gorizia e Trieste, ma situazione complessivamente altrettanto preoccupante. Tra vigili (-10), capi squadra (-10), ispettori (-6) ed altri profili, l’area isontina vede un divario tra organico previsto e reale di 27 unità, senza contare i 6 pensionamenti entro il 2018 e a cui si aggiunge tutta l’incertezza sul presidio di Grado, tra l’altro teatro proprio i giorni scorsi di un incidente mortale legato alle esalazioni di fumo. Quanto, infine, a Trieste, oltre ai 10 amministrativi in meno, mancano anche, tra personale generico, portuali e nucleo Sommozzatori, 34 unità.
“Siamo di fronte – spiegano ancora Martin e Bordin – ad una carenza oggettiva e strutturale che indebolisce pesantemente il sistema dell’emergenza del Friuli Venezia Giulia, senza contare oltre alla mancanza di uomini anche la disastrosa situazione del parco macchine. L’attuale situazione, unitamente anche all’età anagrafica del personale che negli ultimi anni si è alzata considerevolmente, mette a rischio la sicurezza dei cittadini: è per questo che si deve intervenire con urgenza sia con risorse, sia con un piano di assunzioni adeguato. Dal governo, grazie alla mediazione del Prefetto di Trieste, ora ci aspettiamo un impegno concreto”.