Venzone, la Polizia ricorda Maurizio Tuscano a un anno dalla tragica scomparsa

“No podin smentea, no vin voe di smentea” (non possiamo dimenticare, non vogliamo dimenticare): con questa toccante frase letta dai colleghi di Maurizio Tuscano, si è conclusa la messa domenicale nel Duomo di Venzone in ricordo del Vice Sovrintendente della Polizia Stradale di Amaro, vittima del dovere, che proprio un anno fa, durante i rilievi di un incidente stradale all’alba dell’11 dicembre, lungo l’autostrada Alpe Adria, veniva investito perdendo tragicamente la vita.
Una cerimonia intima, familiare che la Polizia di Stato ha condiviso con la famiglia e con i fedeli della cittadina friulana.
Al termine della Santa Messa il Dirigente della Polizia Stradale del Friuli Venezia Giulia ha omaggiato i familiari con la pergamena di intitolazione “al Vice Sovrintendente Maurizio Tuscano, vittima del dovere della Caserma della Sottosezione Polizia Stradale di Amaro”.
La mattinata era iniziata con la deposizione di un omaggio floreale direttamente inviato dal Capo della Polizia, Prefetto Lamberto Giannini, presso il cimitero cittadino dove Tuscano riposa.