Variante di Rigolato, Consumatori Attivi chiede alla Regione di rispettare gli impegni

Sul tema della variante di Rigolato riceviamo e pubblichiamo le considerazioni dell’associazione Consumatori Attivi, a firma della presidente, l’avvocato Barbara Puschiasis, che ieri ha partecipato a Tolmezzo al convegno promosso da Legambiente sugli interventi programmati per lo sviluppo della montagna.

A ciel sereno ci è giunta la notizia della delibera della Giunta Regionale FVG n. 1082 del 22 luglio 2022. In pratica con tale atto la Regione si determina definitivamente a revocare i Fondi destinati per la realizzazione della Variante da realizzarsi in Comune di Rigolato, SR 355, che avrebbe portato alla risoluzione dei problemi legati ai pericolosi ingorghi che si creano nel cuore del paese a causa delle strutture ivi presenti. Tali ingorghi è evidente che creano un danno all’economia e alle persone che ci abitano e transitano.

Barbara Puschiasis

Da anni la soluzione della Variante ha impegnato tavoli di progettualità e ha comportato scelte conseguenti di attività economiche e amministrazioni impegnate sul territorio. Ora, a causa di non ben definiti ritardi, viene dalla Regione revocato il contributo Ministeriale di € 9.300.000 che viene dirottato unilateralmente su opere minori sparse per il Friuli Venezia Giulia. Siamo amareggiati per come sono state condotte le cose, per soluzioni che alla fine non vengono adottate per risolvere i veri problemi del territorio montano.

L’assurdo è come le ruspe siano già in azione per la realizzazione di una strada della larghezza di ben 3,5 metri oltre a 5 piazzole di sosta di 10 metri circa l’una a 1600 metri di quota sopra Rigolato, distruggendo un luogo incontaminato e molto apprezzato da chi frequenta la montagna per escursionismo. Tale opera per altro cancella il sentiero Cai 227, trasformando il tratto che collegherebbe Tuglia al Chiampizzulon in una sorta di autostrada per l’accesso di mezzi a motore. L’opera complessivamente prevede una spesa di 2 milioni di euro circa.

Il sindaco Fabio D’Andrea prosegue la sua protesta a Trieste

Ci chiediamo dunque se anzichè la variante a sud del paese la Regione intenda realizzare una variante in quota che colleghi Sappada con Pesaris tagliando definitivamente il fondovalle di Rigolato.

Ci opponiamo dunque fermamente a queste opere che sfregiano la montagna chiedendo alla Regione il rispetto degli impegni assunti per creare una viabilità che possa, nel fondovalle, eliminare il problema delle strettoie essendo comunque al vaglio, anche con gli altri portatori di interesse, la legittimità e fondatezza riferita alla modifica della destinazione di impiego per la realizzazione di lavori di minor rilevanza di fondi CIPE stanziati invece esclusivamente per la realizzazione della variante alla strada Regionale 355.

BARBARA PUSCHIASIS

L’Associazione Consumatori Attivi nasce dalla volontà di un nutrito e motivato gruppo di risparmiatori traditi friulani che con l’ambizione di costruire una realtà indipendente, autonoma, apolitica, apartitica, senza fini di lucro, a base democratica, partecipativa col fine di persegue finalità di eguaglianza sociale e tutela dei diritti e degli interessi, anche nell’ambito del più ampio concetto della responsabilità sociale, del cittadino-consumatore, utente, risparmiatore, paziente, contribuente, sia come singolo che come collettività nonchè centro d’interesse.