Uova marce contro la sede dello Scriptorium Foroiuliense di San Daniele

Uova marce sono state state lanciate contro la finestra accanto alla porta di ingresso della sede dello Scriptorium Foroiuliense di San Daniele. La scoperta è avvenuta ieri sera, “una coincidenza molta strana, verificatasi proprio in concomitanza agli ultimi avvenimenti”, dice il presidente della Scuola Italiana Amanuensi Roberto Giurano, con riferimento alle polemiche suscitate dall’affidamento diretto del servizio di gestione del Museo del Territoio proprio allo Scriptorium.

“Già tanti sono i messaggi di solidarietà che ci sono arrivati, per primi il Prefetto di Udine, il presidente della Regione Fedriga e il sindaco Valent – prosegue Giurano -. Non vorremmo che tali gesti, in considerazione dei progetti di inclusione sociale che lo Scriptorium ormai da tempo sta portando avanti, siano volti soprattutto all’odio e al disprezzo del diverso, una politica portata avanti da miseri personaggi”.

“Oggi puliremo le nostre finestre e se vorrete potrete sporcarle ancora e poi ancora e poi ancora, ma sappiate che non ci fermeremo e tutti i nostri progetti andranno avanti – dice Giurano rivolgendosi agli autori del gesto –. Se gettare uova contro delle finestre vi fa sentire meno falliti, fatelo pure. perché noi alla violenza rispondiamo con la tolleranza”.

Sul fatto è intervenuto anche il sindaco Valent con un post sui social, che riportamo integralmente: “Indignato per questi piccoli omuncoli che se la prendono con una Associazione di Promozione Sociale che in mille maniere cerca di promuovere l’inclusione sociale delle persone, soprattutto quelle meno fortunate o con qualche problema in più e che si è sempre distinta per essere aperta, accogliente e propositiva verso chiunque. Purtroppo c’è qualcuno che alza i toni, anche in consiglio, e che usa in malo modo parole utili solo a costruire congetture ed illazioni gratuite al solo scopo di gettare discredito su San Daniele come nell’articolo di ieri sul MV, dove si chiama in causa l’Amministrazione e guardacaso Scriptorium. Articolo nel quale la minoranza grida all’illegittimità in modo superficiale ed incompetente, provocando il rischio di un grave danno all’immagine dell’ente nei confronti dei cittadini. La procedura di affidamento del servizio di gestione del museo è un appalto perfettamente legittimo come ampiamente relazionato in consiglio comunale – di cui si può ascoltare la registrazione audio – dal Segretario comunale e che nulla ha a che fare con la precedente convenzione, il cui procedimento era stato revocato in quanto non consentiva di raggiungere l’obiettivo di una gestione efficiente della struttura. Museo che sabato riaprirà con una bella mostra fotografica sul Dante”.