Un emozionante videoclip musicale celebra la Fieste de Patrie dal Friûl

Cambiano le modalità di celebrazione ai tempi del #iorestoacasa, ma non certo l’importanza che la ricorrenza del 3 aprile, la Fieste de Patrie dal Friûl, riveste per il popolo friulano. La carica emozionale che porta con sé questa data, arriverà infatti nelle case dei friulani attraverso il web, grazie al nuovo video musicale voluto da ARLeF – Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e Istitut Ladin Furlan “Pre Checo Placerean”.

Un drone, che possiamo immaginare avere le sembianze di un’aquila, raccoglie il tappeto di immagini del Friuli che accompagna le note di Incuintri al doman, l’inno del Friuli eseguito dalle quattro vocalist friulane Consuelo Avoledo, Michela Franceschina, Jessica Interdonato e Giulia Polidori. Un videoclip di grande fascino in cui, in poco meno di 2 minuti, la Patria friulana appare in tutta la sua bellezza di natura, stagioni, città, borghi e storia, mentre le giovani cantanti dell’ArteVoce Ensemble fanno risuonare parole e musiche che sanno davvero emozionare.

«Il video è una rielaborazione celebrativa in chiave contemporanea, una modalità fortemente coinvolgente che guarda soprattutto alle giovani generazioni – afferma il presidente dell’ARLeF, Eros Cisilino -. Vogliamo pensare che darà uno spunto di riflessione diversa sul significato del 3 aprile, data che segna la nascita dello Stato patriarcale friulano nel 1077, e che contribuirà a farci sentire ancor più vicini e accomunati nell’identità, in questo momento così complesso».

Aquileia, Cividale, Creta del Crostis, Erto, Frisanco, Gorizia, Isola delle Conchiglie e Isola di Sant’Andrea (Marano Lagunare), Palmanova, Pordenone, Ruttars, Sauris di Sopra, Udine, Venzone, Monte di Ragogna, Monte Coglians sono il piccolo compendio del Friuli che scorre insieme alle parole di Renato Stroili Gurisatti e le musiche originali del noto compositore friulano Valter Sivilotti, riarrangiate per l’occasione dal musicista Geremy Seravalle.  La direzione artistica dell’esecuzione musicale del quartetto ArteVoce Ensemble è di Franca Drioli di ArteVoce Voice&Stage Academy. La regia del video, realizzato da Quasar Corporate, è di Giorgio Milocco. Le riprese in studio sono state effettuate presso i BlackMirror Studios di Udine.

Queste le parole dell’inno, per chi vorrà intonarle il prossimo 3 aprile, dai balconi di casa:

In alt o fradis, / o int di Aquilee, / devant da la Storie, / di front dal doman. / Sin flame ch’e vîf / pes stradis dal mont / sin non di une Patrie / sin fîs dal Friûl. // Scolte o Friûl, / o tiere di libars, / di lenghis e popui / sês cjase di pâs. / Dai secui i paris / nus clamin adun / a fâsi lidrîs di unic destin. // In alt o Friûl, / o Patrie mê sante, / di fuarce e sperance / si viest la tô int. / Un popul sigûr / ch’al cjamine te lûs / incuintri al doman, / incuintri ai siei fîs.

 

IN MARILENGHE

A cambiin lis modalitâts di celebrazion te epoche dal #joorestiacjase, ma no dal sigûr la impuartance che e à pal popul furlan la ricorence dai 3 di Avrîl, Fieste de Patrie dal Friûl. La cjame di emozions che si puarte daûr cheste date, e rivarà di fat intes cjasis dai furlans vie web, midiant dal gnûf video musicâl volût de ARLeF–Agjenzie Regjonâl pe Lenghe Furlane e dal Istitût Ladin Furlan “Pre Checo Placerean”.


Un dron, che o podìn imagjinâ tant che une acuile in svol, al racuei la schirie di imagjins dal Friûl che a acompagnin lis notis di “Incuintri al doman”, l’imni dal Friûl interpretât des cuatri cjantantis furlanis Consuelo Avoledo, Michela Franceschina, Jessica Interdonato e Giulia Polidori. Un video di grant incjant là che, in mancul di doi minûts, la Patrie furlane si mostre in dute la sô bielece di nature, stagjons, citâts, borcs e storie, intant che lis zovinis cjantantis di ArteVoce Ensemble a fasin rivocâ peraulis e musichis che a san pardabon emozionâ.


«Il video al è une rielaborazion celebrative in clâf contemporanie, une modalitât une vore apassionante che e fevele soredut aes gjenerazions zovinis al aferme il president de ARLeF, Eros Cisilino -. O volìn pensâ che al darà une ispirazion di riflession divierse sul significât dai 3 di Avrîl – zornade che e segne la nassite dal Stât patriarcjâl furlan intal 1077 – e che nus judarà a sintîsi ancjemò plui dongje e unîts inte identitât, in chest moment tant complès».


Aquilee, Cividât, la Crete dal Crostis, Nert, Frisanc, Gurize, la Isule des Capis e la Isule di Sant Andree (Maran), Palme, Pordenon, Rutârs, Sauris Disore, Udin, Vençon, la Mont di Muris e il Mont Colians a son il piçul compendi dal Friûl che al passe insiemi cu lis peraulis di Renato Stroili Gurisatti e cu lis musichis origjinâls dal famôs compositôr furlan Valter Sivilotti, tornadis a rangjâ pe ocasion dal musicist Geremy Seravalle. La direzion artistiche de esecuzion musicâl dal cuartet ArteVoce Ensemble e je di Franca Drioli di ArteVoce Voice&Stage Academy. La regjie dal video, realizât di Quasar Corporate, e je di Giorgio Milocco. Lis ripresis in studi a son stadis fatis li di BlackMirror Studios di Udin.


Chestis a son lis peraulis dal imni, par cui che al volarà intonâlis ai 3 di Avrîl cu ven, des teracis di cjase: 

In alt o fradis, / o int di Aquilee, / devant da la Storie, / di front dal doman. / Sin flame ch’e vîf / pes stradis dal mont / sin non di une Patrie / sin fîs dal Friûl. // Scolte o Friûl, / o tiere di libars, / di lenghis e popui / sês cjase di pâs. / Dai secui i paris / nus clamin adun / a fâsi lidrîs di unic destin. // In alt o Friûl, / o Patrie mê sante, / di fuarce e sperance / si viest la tô int. / Un popul sigûr / ch’al cjamine te lûs / incuintri al doman, / incuintri ai siei fîs.

Commenta con Facebook