Tolmezzo, tante iniziative alla ricerca della Carnia perduta

C’è un luogo, nel centro storico di Tolmezzo, dove è possibile viaggiare nel tempo alla scoperta di un mondo lontano, gustare i sapori tipici della montagna, ammirare i disegni preparatori di un meraviglioso affresco, giocare con alcuni dei tanti, curiosi oggetti che raccontano la Carnia e le sue genti.
È il Museo Carnico delle Arti Popolari “Gortani”, ospitato nel seicentesco Palazzo Campeis, luogo di grande suggestione e fascino, che custodisce una delle più significative collezioni etnografiche d’Europa: oltre 4.000 oggetti che illustrano la storia, l’arte e le tradizioni del popolo carnico dal XIV al XX secolo. Un patrimonio raccolto dal Sen. Prof. Michele Gortani (1883 – 1966) in quarant’anni di paziente indagine su tutto il territorio carnico.

Proseguono nel mese di agosto le visite con degustazione del martedì, giorno in cui alla visita guidata al Museo (ore 10.00) si affianca una visita alla Latteria di Tolmezzo (ore 11.00), con degustazione di prodotti del Caseificio Sociale Alto But.

Prosegue la mostra “Il pittore Renzo Tubaro a Caneva di Tolmezzo. La donazione dei disegni al Museo Gortani”: circa quaranta opere fra disegni e studi realizzati nel 1960 da Renzo Tubaro per la decorazione ad affresco della Chiesa di San Nicolò di Caneva, nella cui cupola svetta una straordinaria girandola di Angeli musicanti. Non a caso, nel suggestivo allestimento, ai disegni di Tubaro – che raffigurano anche trombe, violini e cetre – si affiancano alcuni dei tanti strumenti musicali della collezione del Museo.

E proseguono anche gli originali e divertenti laboratori per i bambini e le bambine dai 5 agli 11 anni, con inizio alle 15.30 (il costo dei laboratori, su prenotazione, varia in base alla tipologia).
Oggetti magici e storie segrete è il titolo del pomeriggio di mercoledì 24, quando i più piccoli saranno invitati a creare le “carte della magia” a partire dagli oggetti di uso quotidiano custoditi dal Museo (e premiati da una merenda finale alla Latteria di Tolmezzo). Mercoledì 31 agosto, invece, è la volta del laboratorio Facciamo il burro come una volta: si impara a fare il burro e lo si decora ispirandosi agli stampi custoditi dal Museo.

Il Museo “Gortani”, inoltre, è in grado di rilasciare a chi ne fa richiesta l’idonea documentazione giustificativa per accedere a “Dote Famiglia”, il contributo regionale rivolto ai figli (fino a 18 anni non compiuti) per garantire l’opportunità di accedere a contesti educativi, culturali, ludici e ricreativi e per conciliare i tempi di vita familiare con quelli lavorativi.
Il contributo – che per il 2022 prevede il rimborso di 500 euro per ogni figlio minore, per prestazioni e servizi svolti all’interno del territorio regionale – può essere richiesto per le spese già effettuate a partire dal 1° gennaio 2022, esclusivamente dal titolare di Carta Famiglia (la domanda può essere effettuata contestualmente a quella per “Dote Famiglia”).
A questo link al sito della Regione Friuli Venezia Giulia i dettagli relativi a “Dote Famiglia”:
https://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/famiglia-casa/politiche-famiglia/FOGLIA44/

Visite guidate alla scoperta di un mondo lontano, degustazioni a chilometro zero, una mostra di magnifici disegni e laboratori creativi per bambini: sono soltanto alcune delle proposte che fanno del Museo Carnico delle Arti Popolari “Gortani” di Tolmezzo un unicum nel panorama non soltanto regionale.
A confermare il suo valore e la sua originalità anche una convenzione, siglata recentemente, con il FAI – Fondo per l’Ambiente Italiano.

Questo l’orario di apertura del Museo nel mese di agosto: da lunedì a venerdì, ore 9.00 – 13.00 e 15.00 – 18.00; sabato, domenica e festivi, ore 10.00 – 13.00 e 15.00 – 18.00.
Per prenotazioni e informazioni (sulle visite guidate, sui laboratori per i più piccoli e sulle altre attività): tel. 0433 43233 / info@museocarnico.it / www.museocarnico.it.