Sutrio protagonista alla premiazione “Oscar Green” di Coldiretti

La canapa ad uso terapeutico coltivata indoor, il birrificio agricolo che rilancia il territorio, le uova arcobaleno, la cartolina digitale per la promozione turistica, l’orto robotico, la simbiosi piante-pesci. Sono i sei progetti che Coldiretti Giovani Impresa Fvg ha premiato nell’edizione 2020 di “Oscar Green”, la quattordicesima del concorso promosso da Coldiretti Giovani Impresa nazionale e patrocinato dal ministero delle Politiche agricole che riconosce l’innovazione, valorizza i progetti dei giovani imprenditori e promuove l’agricoltura di qualità.

A ricevere il premio, nella Loggia del Lionello di Udine, in un evento aperto dalla relazione di Walter Filiputti, le aziende Green Innovation 4.0 di Rivignano Teor (Riccardo Zanazzo, categoria Impresa 5.Terra), Birrificio agricolo Àgro di Giais di Aviano (Dino Lorenzin, Campagna Amica), Riva Daniele di Majano (Ilenia Gomiero, Creatività), Il Giardino del Chiostro (Lorenzo Favia, Noi per il sociale, che sarà anche, a dicembre, finalista nazionale Oscar Green) e Montvert Acquaponica Fvg (Stefania Sarnataro, Sostenibilità).

Nella categoria “Fare Rete”, invece, vince il progetto per la promozione di Sutrio che ha unito le quinte del settore turistico dell’istituto tecnico Zanon di Udine, il Comune di Sutrio e l’ufficio del turismo. Modelli di imprese, cooperative, consorzi agrari, società agricole e start-up in grado di creare reti sinergiche con i diversi soggetti della filiera. “Food Tourism Esperienziale” è un progetto che ha portato alla realizzazione di una piattaforma on-line: una sorta di “cartolina digitale”, interattiva, ricca ed articolata per la promozione di Sutrio (esempio eccellente di “paesaggio gastronomico”), piccolo comune che sorge in zona svantaggiata nelle Alpi carniche. Il progetto ha messo in rete gli allievi delle quinte del settore turistico dell’Istituto Tecnico “A. Zanon” di Udine, il Comune di Sutrio, l’ufficio del turismo e l’Azienda Agricola Manuel Moro. L’esigenza, per i territori da valorizzare, è di poter investire e puntare sui giovani, per formulare nuove idee e progetti, a supporto del rilancio di un patrimonio territoriale ed enogastronomico ricco di eccellenze.

«Anche quest’anno abbiamo centrato l’obiettivo di fare emergere le buone pratiche in agricoltura – commenta con soddisfazione il presidente della Coldiretti Fvg Michele Pavan – e puntiamo ora a ripetere lo straordinario successo dell’anno scorso che ci ha visto portare a Roma due finalisti e centrare la vittoria nella categoria Sostenibilità». «Questo concorso – aggiunge la presidente Coldiretti Giovani Impresa Fvg Anna Turato – è una vetrina per tutti i giovani che valorizzano il nostro territorio e una fotografia di come si possa promuovere l’agricoltura sana ed ecosostenibile nel rispetto delle regole e con uno sguardo rivolto al futuro».

A riconoscere ai vincitori (emersi tra una trentina di partecipanti in Fvg) lo slancio innovativo, green e multifunzionale che hanno saputo dare alle loro imprese, al presidente Pavan e al direttore regionale Coldiretti Danilo Merz, ai vertici provinciali Coldiretti, ai delegati di Giovani Impresa, con il vicepresidente nazionale Carlo Maria Recchia, anche l’assessore regionale alle Politiche agricole Stefano Zannier.

(nella foto il gruppo dei premiati)

Commenta con Facebook