Sullo Zoncolan e ad Arta Terme un inverno all’insegna di salute e sport

Qualità dell’aria, soleggiamento, presenza di strutture operative termali e di wellness, sentieristica attrezzata, imprese legate alla valorizzazione delle erbe officinali, sono le condizioni ideali offerte dalla montagna friulana per trascorrere vacanze all’insegna della salute con effetti positivi sul corpo e sulla mente favoriti anche da un contesto ambientale ricco di risorse naturali e culturali.
E’ questo il cuore del nuovo prodotto turistico per valorizzare il comprensorio dello Zoncolan e della vicina Arta Terme nei mesi invernali; il tutto all’interno di una rete transfrontaliera che punta a creare una sinergia qualificata di operatori e di servizi turistici sensibili agli aspetti salutari e del wellness delle vacanze. Il contesto in cui sarà sviluppata la nuova proposta è il progetto “WinHealth” avviato nel programma di cooperazione transfrontaliera “Italia-Austria 2014-2020” di cui la Provincia di Udine è partner.
“Questa iniziativa si inserisce nella politica turistica avviata dall’amministrazione provinciale in questi due mandati e volta alla promozione del turismo sostenibile – ha esordito il presidente della Provincia di Udine Pietro Fontanini dopo i saluti di Luigi Gonano, sindaco di Arta Terme, sede dell’incontro di presentazione –. Questo binomio sport-salute può consentire alla nostra montagna, alla nostra Carnia, di sfruttare le sue grandi risorse paesaggistiche, ambientali, naturalistiche, culturali quali leve di un’offerta turistica salutare per consolidare o attirare nuovi visitatori e per ampliare il loro periodo di permanenza”.

Nella fase dello sviluppo del prodotto si terrà conto di possibili sinergie con altre esperienze come CarniaGreeter, Susplan e Sportland, verificandone l’integrazione per un ulteriore vantaggio competitivo; prevista anche una possibile estensione al Tarvisiano facendo leva sui benefici per la salute delle attività di speleoterapia a Cave del Predil. “Sempre più prove scientifiche dimostrano l’importanza degli sport invernali per la salute e, per questo, il turismo salutare rappresenta una grande opportunità per lo spazio alpino” ha evidenziato Harnulf Josef Hartl dell’Università Privata Paracelsus di Salisburgo (lead partner progettuale), realtà che si occupa di sviluppare modelli di turismo salutare basati sull’evidenza scientifica e che, nell’ambito di WinHealth per il Fvg, ha approfondito la conoscenza della struttura termale di Arta ed effettuato alcuni sopralluoghi a Ravascletto testando, a esempio, la resa, in termini di calorie spese, di alcuni percorsi sciistici ed escursionistici.

Proposte di turismo, quelle sviluppate dal Lead partner, vicine alla natura: si prefiggono di contrastare gli effetti negativi per la salute causati dall’elevato tasso di polveri sottili delle città (dove si concentra la maggior parte della popolazione ed è più scarsa la propensione all’attività fisica) ma anche con l’obiettivo di offrire nuovi posti di lavoro nelle aree periferiche e a rischio spopolamento.

“Questo progetto – ha aggiunto il vicepresidente provinciale Franco Mattiussivuole mettere a sistema e qualificare un nuovo modo di proporre le vacanze in montagna focalizzando l’aspetto salutistico recependo anche le best pratices condotte, a esempio, in Sud Tirol dove è stato creato un vero e proprio cluster della salute e del benessere. Il nostro territorio ha tutte le carte in regola per poter sfruttare al meglio quest’opportunità”.

Fondamentale, secondo Michele Morgante presidente del Consorzio Innova Fvg, parco scientifico e tecnologico dell’area montana che nel progetto si occuperà di trasferire alle imprese il valore aggiunto della nuova strategia turistica, alternativa originale e vincente, l’abbinamento tra turismo e scienza medica attraverso il coinvolgimento, nel piano di lavoro, dell’Aas 3 e dell’Università di Udine. Nella strategia si terrà conto dei risultati di un’analisi di mercato già svolta sull’intera area dall’Università di scienze applicate di Salisburgo e che, per l’ambito Zoncolan-Arta Terme, sarà integrata da un’indagine della cooperativa Cramars in programma tra gennaio e marzo 2018.
Dai primi questionari somministrati a settembre (141) risulta, secondo quanto riferito dal ricercatore Daniel Spizzo, che oltre il 90% degli intervistati considera importante un comportamento attento alla salute durante le vacanze; il turista giunge in Carnia soprattutto alla ricerca del benessere legato ad attività all’aperto e alle offerte naturali delle località in questione ma anche dalla presenza delle terme e dei centri benessere (Spa e Wellness). Oltre il 72% degli intervistati dichiara molto importante e/o piuttosto importante la presenza di queste offerte turistiche. Tali dati sono in linea con la ricerca sulla macroarea di progetto realizzata dall’Università di scienze applicate di Salisburgo a dimostrazione che il confronto e le buone pratiche sono essenziali.

Commenta con Facebook