Stanziati ulteriori fondi per la viabilità nei comuni Fvg sotto i 3000 abitanti

Esprime soddisfazione il capogruppo della Lega, Mauro Bordin, durante l’esame del ddl 62 in I Commissione consiliare, per l’azione della Giunta regionale che ha implementato e così soddisfatto la graduatoria dei contributi ai Comuni con popolazione inferiore a 3.000 abitanti per interventi urgenti per la viabilità comunale nei casi di pericolo per l’incolumità pubblica, compresa la manutenzione straordinaria.

“I contributi destinati ai Comuni andranno a soddisfare le domande della graduatoria a cui avevano già attinto diciotto Comuni con popolazione inferiore ai 3.000 abitanti, per la messa in sicurezza di sedi stradali. Si tratta – ricorda Bordin – dello scorrimento di una graduatoria frutto di un emendamento da me proposto, insieme agli altri capigruppo di maggioranza in sede di finanziaria per il 2019. In quell’occasione avevamo stanziato 1 milione di euro, oggi integrato con 910.000 euro, cosi da rispondere a tutti i Comuni istanti”.

“Dopo la soppressione delle Province, i Comuni non potevano più accedere a contributi di questo tipo, infatti – spiega Bordin –, questo provvedimento dell’amministrazione regionale rappresenta una boccata di ossigeno per i piccoli centri che non hanno a disposizione adeguate risorse per fronteggiare le criticità.

“E’ finita l’epoca di pensare solo alle grandi opere, si deve provvedere a mantenere e migliorare le opere già esistenti. Si tratta di contributi – spiega l’esponente di maggioranza – che hanno consentito e consentono di avviare diversi piccoli cantieri, che, oltre a risolvere i problemi dei Comuni, hanno effetti importanti sul tessuto produttivo, visto che ci sono imprese locali che lavorano con conseguenti benefici positivi su lavoratori e rispettive famiglie”.

“Questa – conclude Bordin – è sicuramente la via da perseguire sia a livello regionale che a livello nazionale, come aveva già fatto il ministro Salvini con l’assegnazione ai Comuni fino a 20mila abitanti, di contributi destinati alla messa in sicurezza di scuole, strade, edifici pubblici e patrimonio comunale”.