Soccorse due donne bloccate in un tratto scivoloso, ghiacciato e ripido a Passo Tanamea

A Lusevera, sul sentiero che conduce al Monte Maggiore da Passo Tanamea, due giovani donne del 1989 e del 1995, originarie di Venezia e di Nuoro ma domiciliate a Trieste, si sono bloccate in un tratto scivoloso, ghiacciato e ripido lungo il percorso, dopo aver preso una deviazione; i si tratta di un luogo dove spesso sono accaduti incidenti in passato. Una delle due era scivolata per una decina di metri fermando la caduta vicino ad una pianta di faggio e di lì non se l’è sentita più di muoversi. Entrambe indossavano ai piedi delle “catenelle”, che non erano sufficienti a far presa su eventuali tratti di neve mista a ghiaccio. Con sé avevano un cane di razza labrador.

I soccorritori, tre tecnici della stazione di Udine – Gemona, le hanno raggiunte a piedi, le hanno assicurate con la corda e le hanno accompagnate a valle incolumi.