Proseguono le ricerche del tolmezzino disperso da martedì scorso

Dopo il sesto giorno di attività incessante proseguono anche domani le ricerche di Alberto Cacitti, l’81enne tolmezzino la cui auto è stata ritrovata in località Avons mercoledì scorso, mentre non dà notizie di se dal giorno precedente. Le varie forze in campo, la stazione di Forni Avoltri del Soccorso Alpino, i Vigili del Fuoco, la Guardia di Finanza, la Protezione Civile, i Vigili urbani, i Carabinieri, hanno nei giorni scorsi messo in gioco tutte le risorse, dai tecnici, alle squadre specializzate – squadra forre del Soccorso Alpino, squadre speleo Alpino fluviali dei Vigili del Fuoco – alle Unità Cinofile, ai cani molecolari, ai droni, agli elicotteri per setacciare accuratamente 535 ettari di territorio palmo a palmo senza riscontri.

Alberto Cacitti

L’area battuta è stata quella compresa tra il Ponte Avons e le località di Chiaulis e Intissans, quella verso Cavazzo, il corso del Tagliamento da Caneva fino al Ponte della superstrada che va verso Amaro, i torrenti Malazza e Ambiesta, la diga di Verzegnis (visionata dai droni dei vigili urbani di Udine). L’unico indizio, purtroppo poi non confermato nelle battute successive, è stato quello del cane molecolare che aveva portato verso Cavazzo.
L’area perlustrata è composta da terreno boschivo con tratti impervi e salti di roccia (quella tra Avons e Cavazzo) e da prati e aree più aperte. Tutte le tracce di sentiero sono state percorse e così le zone al di fuori di queste, ciononostante domani si riprenderà nuovamente a cercare.

La figlia Donatella ha fornito intanto ulteriori dettagli sul suo profilo social: “Mio padre è uscito con una salopette e giacchina da lavoro colore blu, la stessa indossata nella foto. Il berretto poteva essere nero e aveva gli scarponi. Se trovate qualsiasi indumento o oggetto fate un punto e chiamatemi, che lo segnaliamo alle autorità. Il mio numero è 3336783700″.