Scritta su un muro a Tiveriacco di Majano con minacce di morte a Fedriga

Una scritta con minacce di morte al governatore FVG Massiliano Fedriga, definito “traditore della Lega e del Friuli”, sono comparse domenica sul muro di un edificio che ospitava un supermercato a Tiveriacco di Majano, sulla SR 463.

Sul posto sono intervenuti i Carabinieri.

“La nostra piena solidarietà al presidente Fedriga dopo questa spregevole minaccia”, dice il capogruppo della Lega in Consiglio regionale, Mauro Bordin, che aggiunge: “E’ riprovevole e vergognoso il pesante clima d’odio che certe azioni vili vorrebbero alimentare fra la popolazione. Come Lega condanniamo senza appello ogni forma di violenza, minaccia e intimidazione e rivendichiamo con enorme orgoglio l’eccellente lavoro svolto dall’amministrazione Fedriga a favore della salute pubblica, del lavoro e della crescita economica”.

“L’auspicio – conclude Bordin – è che le Forze dell’ordine possano giungere quanto prima a individuare chi è responsabile di tale vile attacco e l’appello che rivolgiamo, a chiunque sa o ha visto qualcosa, è di segnalarlo alle autorità”.

NICOLI (FI) “Massima solidarietà e vicinanza al presidente Fedriga”. Ad esprimerle in una nota è Giuseppe Nicoli a nome dell’intero Gruppo consiliare regionale di Forza Italia.  “Condanniamo l’ennesimo atto violento e intimidatorio nei confronti delle istituzioni – conclude il capogruppo forzista – in un clima d’odio che da troppo tempo pervade la nostra società e che va arginato al più presto”.

M5S Il Gruppo del MoVimento 5 Stelle in Consiglio regionale esprime solidarietà a Fedriga. “Ancora una volta ci troviamo di fronte a un inquietante episodio di violenza e intimidazione – aggiungono i consiglieri pentastellati -. Ma non ci stancheremo mai di ribadire come questo modo di agire sia vile e inaccettabile in un Paese civile e democratico”.